NewsScenario

GoDaddy, al via la seconda wave della campagna “.makeyourpoint”

La campagna digital ruota intorno al concetto di punto come elemento principale dei domini web

GoDaddy, uno dei più grandi provider al mondo di domini, di web hosting e di soluzioni per la creazione di siti web al servizio di piccole imprese e imprenditori, lancia la seconda wave della campagna “.makeyourpoint”creata da Alkemy in collaborazione con Luther Dsgn.

“.makeyourpoint” ruota attorno al concetto di “punto”, ovvero l’elemento principale del dominio web. Sarà live sui principali siti d’informazione nazionali e prevede declinazioni sulle principali piattaforme social; l’intera programmazione media sarà gestita da Alkemy. Al centro della campagna, attualizzata in base al’attuale situazione, ci sono i volti e le storie reali dei piccoli e medi imprenditori italiani, impegnati nella trasformazione digitale come strumento per ripartire con più forza dopo il lockdown e la ripresa a scaglioni delle attività produttive e commerciali. Se prima per una PMI o un commerciante un sito o ecommerce poteva essere un “nice to have” ora diventa un asset strategico e dunque la campagna coerentemente si snoda attorno al nuovo concetto di punto:  punto di partenza, punto di forza e punto di riferimento(.dipartenza, .diforza, .diriferimento).

“.makeyourpoint”“Con questa campagna vogliamo rivolgerci in particolare a tutti gliimprenditori che in questo momento di difficoltà si ritrovano a dover reinventare la propria attività, portando per la prima volta online ilproprio business o cercando di migliorarlo”, spiega Gianluca Stamerra, Regional Director per l’Italia e la Spagna.“Con esempi concreti di persone che hanno raggiunto il successo grazie al digitale, non solo vogliamo creare empatia e fiducia, ma dimostrare come sia possibile dareuna svolta digitale a qualunque business, grazie al supporto e agli strumenti e il supporto personalizzato messi a disposizione da GoDaddy”.Le storiedi business italiane raccontano la intuitività e facilità d’uso dei servizi offerti da GoDaddy, per comunicare all’utente che in qualunque punto della sua storia imprenditoriale e professionale si trovi può facilmente avviare o migliorare la sua presenza digitale.

I volti e le storie di “.makeyourpoint”

A prestare i loro volti e le loro storie per la campagna digital sono: Simona Prandi di Business and Wealth Training Academy racconta il suo “punto di partenza” con “Siti Web + Marketing”, Michela di Nuzzo di Flick on Food, prima multipiattaforma digital nel mondo del cibo, mette in evidenza il suo “punto di riferimento” e Roberto Dibenedetto della gioielleria Nove25 racconta il suo “punto di forza”.

“.makeyourpoint”“Siamo orgogliosi di essere al fianco di GoDaddy in un momento storico come questo in cui è particolarmente importante trovare soluzioni nuove per comunicare con il proprio target in modo innovativo. La nuova campagna, riconvertita dall’OOH a properties digitali, permetterà a GoDaddy di essere presente agli occhi dei consumatori e diventare un esempio di positività e resilienza per tutte le aziende che vogliono reagire ed uscire più forti dall’emergenza”, ha dichiarato Duccio Vitali, CEO di Alkemy.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

🔍CrowdStrike e Microsoft al centro del più grande incidente digitale globale
 
🏭McKinsey svela come l'AI generativa sta ridefinendo il panorama aziendale
 
🥶Direttiva NIS2: come gestire il processo di conformità
 
📐Exadata Exascale: l'architettura dati intelligente per il cloud di Oracle
 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
 
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
 
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
 
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
 
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Autore

  • Danilo Loda

    100% "milanes", da una vita scrivo di bit e byte e di quanto inizia con on e finisce con off. MI piace tutto quello che fa rumore, meglio se con un motore a scoppio. Amo viaggiare (senza google Maps) lo sport, soprattutto se è colorato di neroazzuro.

    Visualizza tutti gli articoli

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button