AziendeConcorsiFeaturedStartup

Chi ha vinto la seconda edizione di Amazon Campus Challenge

Si è conclusa oggi la seconda edizione di Amazon Campus Challenge, la competizione che affianca studenti universitari e PMI per promuovere la formazione dei primi e la digitalizzazione delle seconde. A vincere la sfida è stato il duo del “Dream Team“, entrambi originari di Brescia e studenti dell’Università degli Studi di Padova, che ha portato avanti un progetto di digitalizzazione per l’azienda bresciana “L’Angolo del Benessere di Ruggero Rossi“.

La seconda edizione di Amazon Campus Challenge

Il team, composto dai Sara Marvataj e Leonardo Rossi, è risultato vincitore tra più di 300 studenti, arrivando primp alla finale a cinque e conquistando poi il premio da 10mila euro. “L’angolo del benessere”, impresa di Lonato del Garda (BS) specializzata in vendita al dettaglio di materassi, doghe, poltrone relax e cuscini, è riuscita, tramite il progetto vincitore, ad espandere il suo commercio online, posizionando un suo prodotto (un guanciale ortopedico) nella selezione di “Amazon Choice“.

“Con questa vittoria dimostriamo che studiare filosofia può formare futuri imprenditori in grado di innovare con efficacia le imprese italiane, anche le più tradizionali – hanno commentato i primi classificati – Siamo felici di aver preso parte a questa divertente edizione di Amazon Campus Challenge. La soddisfazione di supportare lo sviluppo di una microimpresa, di vederla crescere e innovare il suo metodo di vendita è stata per noi un’emozione unica, e leggere sin da subito le recensioni così positive dei clienti ci ha impressionati e stimolati a fare sempre meglio. Ringraziamo Amazon per la sfida lanciata, che ha rappresentato per noi una prova formativa e professionale che ci ha consentito di concretizzare un progetto grazie anche al continuo stimolo dato dalla competizione con tantissimi altri team da tutta Italia.”

Gli altri team finalisti

Degni di nota anche gli altri quattro team finalisti, che hanno portato comunque avanti progetti e proposte interessanti. Il secondo classificato (7000€), Internet of Pesto dell’Università di Genova, ha sviluppato un business plan per l’azienda Fratelli Panizza S.n.c, usando il pesto tradizionale come cavallo di battaglia per il posizionamento online di altri generi alimentari Made in Italy. Il terzo classificato (5000), MUVART della LIUC Università Cattaneo, ha invece portato avanti un progetto per l’azienda GO,TO S.r.l, arrivando a portare online un’eccellenza del Made in Italy come il vetro di Murano.

Fuori dal podio troviamo i team Futurama (4o) dell’Università degli Studi di Palermo e Hair-Lab (5o) dell’Università di Roma Tor Vergata e dell’Università Commerciale Luigi Bocconi, entrambi premiati con 3000€ ciascuno. Il primo ha lavorato con Brunò S.r.l.s, aiutando a digitalizzare l’attività dell’azienda di Health&Beauty. Il secondo ha invece collaborato con HC Products SRL, un’azienda Ferrarese specializzata in prodotti per la cura dei capelli, che grazie al team si è potuta approcciare al marketplace di Amazon.

La competizione

Con la seconda edizione, Amazon Campus Challenge si è confermata un’occasione di crescita sia per gli studenti, che sono potuti così entrare a contatto con il mondo imprenditoriale, sia per le piccole e medie imprese italiane, che, grazie alle competenze di studenti e studentesse, hanno acquisito nuovi mezzi per affrontare la sfida della trasformazione digitale”, afferma Mariangela Marseglia, VP e Country Manager di Amazon.it e Amazon.es. “Ritengo che il processo di digitalizzazione del Paese sia più che prioritario per sostenere l’economia e per questo ringrazio tutti gli studenti e le studentesse e le oltre 70 aziende che hanno aderito. Siamo fieri di lavorare costantemente per la valorizzazione delle aziende italiane e per l’inserimento dei giovani talenti nel mondo imprenditoriale”.

A valutare i team è stata una giuria di rappresentanti di Amazon ed esperti di e-commerce e innovazione. Troviamo infatti: Ilaria Zanelotti, Director of Marketplace per Amazon in Italia; Anna Migliorati, giornalista di Radio 24; Fabiana Andreani, Senior Training Manager RCS Academy e Content Creator; Roberto Liscia, Presidente di Netcomm ed Executive Board Member di Ecommerce Europe. Alla finale ha partecipato anche Mariangela Marseglia, VP e Country Manager di Amazon.it e Amazon.es.

Maggiori informazioni disponibili sul sito ufficiale della sfida.

Adb Cuscino CERVICALE 100% MEMORY foam MADE IN ITALY ERGONOMICO per letto singolo matrimoniale guanciale ortopedico per dormire aloe vera
  • PRODOTTO CUSCINO LETTO: Materiale strato esterno: Tessuto Bielastico con Aloe Vera Materiale strato interno: Viscoelastico Termosensibile Imbottitura: Memory Foam Dimensioni: 50 x 80 x 10 cm Colore: Bianco La fodera esterna è lavabile (60° in lavatrice), il cuscino per dormire non è lavabile. E’ dotato di cerniera a lampo laterale, sottile e non fastidiosa.
  • MEMORY FOAM: L’imbottitura in memory foam offre un OTTIMO SUPPORTO per testa e collo, senza rigidità o scomodità nel dormire. Riduce i punti di pressione, favorendo una migliore circolazione sanguigna. Ideale per chi soffre di CERVICALE o chi cambia spesso posizione nel dormire. Grazie al materiale in memory foam il cuscino si ADATTA perfettamente alla forma, peso e POSTURA di chi lo usa.
  • VANTAGGI: Quando in uso il cuscino si MODELLA a testa e collo, mentre quando non viene usato ritorna sempre alla sua forma originale, senza pieghe o punti vuoti di imbottitura. Dotato di un materiale TRASPIRANTE, è ideale per chi soffre di sudorazione notturna.
  • USO: Grazie al suo materiale in memory foam questo cuscino è adatto a tutte le posizioni di sonno e ad ogni persona, indipendentemente dall’età. IDEALE per letto matrimoniale, letto singolo, letto ortopedico e letto ospedaliero. Il materiale usato è di alta qualità, più longevo di un normale cuscino ed è un prodotto MADE IN ITALY.
  • CONFEZIONE: l’imballaggio del cuscino è una confezione su misura in tessuto e plastica. La confezione è dotata di maniglie sul lato superiore e dispone di una zip laterale, che la rende ottima sia per il trasporto che per la conservazione. Il cuscino NON è confezionato sottovuoto, è confezionato nella sua forma originale.

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button