NewsScenario

Ecco il nuovo report Consumer Threat Landscape 2020 di Bitdefender

L'indagine rivela le principali minacce informatiche globali per i consumatori

Bitdefender, azienda leader nella cybersicurezza, ha pubblicato il Consumer Threat Landscape Report 2020. L’analisi espone le principali minacce per la cybersecurity, la loro frequenza e quali sono state le tendenze del crimine informatico nel 2020. Mette inoltre in evidenza come ransomware, spam, malware mobile e altre minacce per i consumatori si sono evolute durante la pandemia COVID-19.

Consumer Threat Landscape 2020, il report di Bitdefender sulle cyber minacce

Bitdefender, azienda che protegge centinaia di milioni di endpoint e sistemi in tutto il mondo, ha diffuso il suo Consumer Threat Landscape Report 2020. L’indagine rivela le maggiori minacce informatiche a livello globale e come si sono evolute nell’ultimo anno, durante la pandemia COVID-19. Il report si basa sull’analisi dei dati trimestrali e annuali derivanti dall’infrastruttura Global Protective Network (GPN) di Bitdefender, che esegue miliardi di operazioni al giorno su milioni di endpoint e utilizza algoritmi avanzati per identificare varie minacce e modelli di attacco.

L’indagine ha preso in esame i risultati delle analisi effettuate su diversi paesi tra cui Australia, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Regno Unito, Romania, Spagna, Svezia e Stati Uniti. Inoltre ha considerato eventi chiave locali specifici, come le elezioni presidenziali del 2020 avvenute negli Stati Uniti. I dati hanno evidenziato che durante la pandemia i criminali informatici hanno colpito le loro vittime con trojan bancari e ransomware. Durante la prima metà del 2020 c’è stata una maggiore attenzione alle minacce con un elevato potenziale di guadagno.

I risultati di maggior rilievo del Consumer Threat Landscape Report 2020

Impennata di attacchi ransomware in tutto il mondo. Nel complesso, gli attacchi ransomware sono cresciuti del 485% nel 2020 rispetto al 2019.

I sistemi operativi proprietari pericolosi sono un pericolo per l’IoT. I dispositivi con sistemi operativi proprietari costituiscono il 34% di ciò che i consumatori possiedono e sono responsabili del 96% di tutte le vulnerabilità rilevate. Bitdefender ha osservato un incredibile aumento del 335% delle vulnerabilità delle Smart TV rispetto al 2019.

Android è il veicolo preferito per diffondere malware e app dannose. I criminali informatici hanno ospitato siti fraudolenti per il download del noto software Zoom e hanno distribuito app cariche di malware con lo scopo di spiare gli utenti e rubare i loro dati personali.

I dispositivi Network-attached storage (NAS) sono i più colpiti in termini di vulnerabilità riscontrate. Il numero di vulnerabilità riscontrate nei dispositivi NAS è aumentato del 189% anno su anno dal 2019 al 2020.

Le applicazioni potenzialmente indesiderate sono in aumento. Bitdefender ha osservato un aumento del 320% delle applicazioni potenzialmente indesiderate segnalate nel 2020 rispetto all’anno precedente. Sebbene possano non essere dannose di per sé, potrebbero avere un impatto sull’esperienza dell’utente rallentando i sistemi, mostrando annunci inaspettati o addirittura installando software aggiuntivi.

È possibile scaricare la versione integrale del Consumer Threat Landscape Report 2020 di Bitdefender cliccando qui.

Bestseller No. 1
HP - PC 14s-fq0038nl Notebook, AMD 3020e, RAM 4 GB, SSD 64 GB, Grafica AMD Radeon, Windows 10 Home S, Schermo 14" HD SVA, USB-C, HDMI, Webcam TrueVision 720p, RJ-45, bianco
  • la vestibilità regolare è perfetta: nè troppo stretta nè troppo larga
  • pile di spugna francese in poliestere spazzolato
  • 100% poliestere
  • oak
  • asciugatura rapida, tessuto altamente traspirante; cappuccio
Via
primapagina

Marzia Ramella

La mia serata tipo? Amici, pizza, film e un bel gioco da tavola. Amo i libri, i videogiochi, le serie tv, Harry Potter, i cartoni Disney, il mare, gli animali, viaggiare... insomma, di tutto un po'. Sono ottimista per natura, un pò lunatica e mamma di due cani bellissimi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button