News

Oracle annuncia l’integrazione dell’AI generativa nel suo stack tecnologico

In occasione del suo evento “Data & AI Forum”, Oracle ha annunciato il rilascio al pubblico del servizio Oracle Cloud Infrastructure (OCI) Generative AI, che permetterà alle aziende di integrare il potente strumento dell’AI generativa nel loro repertorio tecnologico in modo semplice e sicuro.

OCI Generative AI è un servizio completamente gestito che integra i modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM) di Cohere e Meta Llama 2 negli scenari aziendali. I clienti potranno utilizzare questo servizio sia nel cloud di Oracle sia on-premises tramite OCI Dedicated Region.

I vantaggi del servizio per le aziende

Qui Amazon Prime. Scopri i vantaggi!

Greg Pavlick, senior vice president di AI and Data Management dell’Oracle Cloud Infrastructure, ha dichiarato che l’azienda sta puntando ad utilizzare l’AI generativa per risolvere i casi d’uso del mondo reale, inserendola in tutti i livelli dello stack tecnologico. Il tutto supportato da un’ infrastruttura veloce e competitiva dal punto di vista dei costi.

I clienti potranno personalizzare i modelli messi a disposizione utilizzando i propri dati con tecniche di Retrieval Augmented Generation (RAG), in modo da poter generare contenuti su misura per la propria azienda. A tale scopo, Oracle mette a disposizione il servizio OCI Generative AI Agents, un agente che consente di dialogare con diverse fonti di dati aziendali attraverso il linguaggio naturale, anche in assenza di competenze specialistiche. L’intento di Oracle, infatti, è quello di innestare l’AI generativa dove i dati già risiedono, semplificando l’adozione di questo strumento nell’operatività aziendale.

Oracle ha inoltre lanciato il servizio OCI Data Science, una piattaforma per aiutare i clienti a gestire, addestrare e distribuire i modelli di Machine Learning tramite Python ed e librerie open source come Trasformers di Hugging Face. La nuova funzione AI Quick Actions, che entrerà in beta il mese prossimo, consentirà l’accesso no-code, ovvero senza necessità di sviluppo di codice, ad alcune LLM open source, come quelle di Meta o Mistral AI.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

🔮 Il futuro dell’innovazione tecnologica, ecco come l’AI può esserci d’aiuto
 🕸️ La rivoluzione nell’automazione delle reti aziendali
🇪🇺 L’Unione Europea e il confine tra algoritmo e intelligenza artificiale
🏭 Google lancia IA per il Made in Italy per supportare le PMI italiane
 
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
  
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
  
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
  
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
  
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
  
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Linda Monfermoso

Studentessa, programmatrice, hacker, powerlifter, scrittrice, disegnatrice, nerd di (video)giochi, appassionata di animali squamati e scienza. Sono facilmente attratta dai rabbit hole e dal sushi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button