NewsSicurezza

Industry 4.0 e sicurezza, aumentano i ransomware che colpiscono l’IIoT

TXOne Networks ruoirta cge uk 94% degli eventi di sicurezza IT colpisce anche l'OT

TXOne Networks, azienda esperta di sicurezza IIoT (Industrial Internet of Things), ha pubblicato un nuovo report annuale in cui emerge come il ransomware colpisca sempre di più la supply chain e le infrastrutture critiche. Ma sebbene quasi tutti gli incidenti informatici colpiscano anche il mondo OT, solo una piccola percentuale utilizza soluzioni apposite.

Ransomware nell’IIoT, il nuovo report di TXOne Networks

Qui il Miglior servizio VPN in Italia

Secondo il rapporto annuale “Insights Into ICS/OT Cybersecurity 2022” di TXOne Networks, ci sono crescenti problemi legati alla sicurezza informatica nella quarta rivoluzione industriale. I cyber-attacchi che colpiscono le supply chain e le infrastrutture critiche stanno diventando sempre più frequenti, così come le estorsioni ransomware.

Infatti, il rapporto evidenzia che il 94% degli incidenti di sicurezza informatica riguardano anche gli ambienti operativi. Ma la maggior parte (70%) delle organizzazioni utilizza ancora soluzioni IT per proteggerli, invece di strategie specifiche. Lo studio esamina la convergenza tra le tecnologie OT e IT, l’aumento della regolamentazione e la crescente attenzione al protezionismo commerciale globale.

Realizzato in collaborazione con Frost & Sullivan, lo studio coinvolge 300 C-level del settore manifatturiero nei Paesi più all’avanguardia. E sottolinea come le minacce cybercriminali diventano realtà nell’OT in pochissimo tempo.

sistemi iiot per la trasformazione green e digitale-min

Fra le nuove minacce ICS/OT, ci sono i servizi di estorsione Ransomware as a Service (RaaS), tra cui Black Basta, Pandora e LockBit 3.0. Queste minacce stanno diventando sempre più frequenti nei settori manifatturiero, energetico, agricolo e sanitario, con un impatto particolarmente significativo nel settore dell’automotive. Questo rende sempre più urgente l’adozione di soluzioni specifiche e la creazione di task force per gli ambienti OT.

Aumentare la protezione

Il rapporto approfondisce anche le normative stabilite dai governi per rafforzare le difese informatiche contro le minacce globali, in un momento di crescente tensione geopolitica. Inoltre, fornisce una panoramica sulle forze di mercato che stanno spingendo le organizzazioni a investire nella sicurezza specifica per gli ambienti OT, con quali budget e modalità.

Terence Liu, CEO di TXOne Networks, spiega: “Negli ambienti ICS/OT esistono molti vincoli imposti dalla progettazione. Affrontare i problemi di sicurezza in queste circostanze richiede un insieme unico di soluzioni e metodi, in antitesi ai soliti approcci del mondo IT. Le difese cyber OT-native per gli ambienti ICS/OT stanno diventando sempre più comuni. Con l’evolversi degli ambienti ICS/OT, le nuove tecnologie come l’IIoT, il cloud ibrido e le reti 5G saranno sempre più diffuse e i fornitori di soluzioni innovative si stanno preparando per quel futuro”.

Qui trovate il report completo.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📊Edge data center: i vantaggi e come favorirne lo sviluppo
 
🌴L’utilizzo del welfare aziendale per le vacanze: un’opportunità di risparmio per l’estate 2024
 
🎙 La AI di Google: una evoluzione basata sui modelli
 🎤
La resilienza del dato come forma di protezione: intervista a Vincenzo Granato di Commvault
 
🎧
 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
 
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
 
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
 
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
 
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Autore

  • Stefano Regazzi

    Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

    Visualizza tutti gli articoli

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button