NewsOfferte/Tariffe

Servizi in abbonamento: ecco i trend del settore

Da un'indagine sulle preferenze dei consumatori per i servizi in abbonamento è emersa una crescita notevole delle subscription negli ultimi 3 anni

Zuora, il principale fornitore di piattaforme per la gestione dei modelli di business in subscription, in partnership con Deloitte Digital Italia, ha rilasciato i risultati di una indagine globale congiunta sulle preferenze dei consumatori per modelli di business in subscription nel settore Cosumer Packaged Goods (CPG), evidenziando una crescita delle dei servizi in abbonamento nel settore CPG negli ultimi 3 anni. Questo è il risultato della partnership di ricerca in corso tra Zuora e Deloitte Digital, volta a comunicare il valore di nuovi modelli di business agili in tutti i settori. Aiutando le aziende europee ad adattarsi alle esigenze del mercato in evoluzione nella Subscription Economy.

Boom di servizi in abbonamento

Il settore CPG è a un punto di svolta. Il report prodotto da Deloitte Digital “The Fresh Food Business: Spurring the ‘Local Community’ Trend Forward” stima che la vendita al dettaglio online stia crescendo a un tasso di vendita di più del doppio rispetto ai punti vendita tradizionali. E, all’interno dell’e-commerce, il modello di business in subscription sta diventando sempre più popolare.

Inoltre, il rapporto “The End of Ownership” di Zuora e The Harris Poll ha rilevato che dal 2014 al 2019 il numero di servizi in abbonamento è cresciuto dal 53% al 71%. Mentre le organizzazioni direct-to-consumer (DTC) si stanno adattando per soddisfare le nuove aspettative dei consumatori, c’è l’urgenza per le aziende del largo consumo di costruire, possedere e monetizzare relazioni dirette con i clienti.

“Le aziende di successo si concentrano sulla crescita e sulla monetizzazione di una base di clienti fedeli. Offrendo così esperienze con la vendita di servizi in abbonamento che si differenzia rispetto alle vendite una tantum.” ha affermato Amy Konary, VP of Customer Business Innovation di Zuora e Presidente del Subscription Institute. “Con il passaggio alla subscription, le aziende del largo consumo hanno l’opportunità di comprendere le esigenze dei propri clienti. E monetizzare queste relazioni in flussi di cassa costanti”.

I punti chiave del report

I principali risultati dell’ultimo report di Zuora e Deloitte Digital per il settore CPG includono le seguenti evidenze:

  • La customer experience guida il successo della subscription: Il risparmio di tempo (51%) e la facilità di disdetta del servizio (48%) sono fattori importanti che influenzano l’acquisto di servizi in abbonamento. Così come la paura di essere vincolati (42%) può avere una forte influenza sulla decisione di non procedere con l’acquisto. Le aziende del settore CPG hanno bisogno di comprendere che i consumatori non stanno semplicemente acquistando un prodotto, si impegnano in una relazione e desiderano il controllo su di essa.
  • I consumatori che acquistano già in subscription, ne vogliono sempre di più: È più probabile che i consumatori con subscription attive nei segmenti Food & Bevarage, Fashion, Pharma e Beauty ne sottoscrivano altre nei prossimi tre anni piuttosto che le riducano. Infatti, le subscription nel settore CPG sono tendenzialmente in aumento. Negli ultimi tre anni queste hanno mostrato un aumento netto del 16%.
  • La soddisfazione dei consumatori con Subscription è alta, ma la fedeltà è sfuggente: La soddisfazione dei clienti con subscription attive varia dall’80% al 93%, ma il tasso di abbandono rimane elevato. Di conseguenza, le aziende del settore CPG devono bilanciare il giusto prezzo proposto al consumatore con il valore dei loro servizi.
  • Il segmento Food & Beverage è leader nelle subscription sottoscritte per il settore CPG, ma altri segmenti sono destinati a crescere: Il 68% dei consumatori con una subscription nel settore CPG ne possiede una nel segmento Food & Beverage. Altri segmenti principali includono Elettronica (43%), Pharma e Beauty (37%) e Fashion (32%).

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button