CloudNewsSoftware

Data Cloud Summit 2022, tutte le novità in arrivo da Google Cloud

Tra tutte spicca BigLake, che semplifica la gestione dei dati

Torna per la seconda volta Data Cloud Summit, che annuncia tutte le principali novità in arrivo nel 2022 per Google Cloud. Servizi e strumenti che permettono alle aziende di gestire i dati in maniera più flessibile e potente. Fra le novità spicca BigLake, che unifica i dati warehouse con i data lake. Estendendo l’immenso potenziale di BigQuery.

Google Cloud, tutte le novità annunciate al Data Cloud Summit 2022

Dalle analitiche al data engineering, passando per l’intelligenza artificiale e il machine learning. Dai data center al cloud, i dati sono una risorsa sempre più fondamentale e abbondante. Ma serve saperli gestire in maniera intelligente. Al Data Cloud Summit 2022, Google Cloud ha voluto presentare alcune nuove funzionalità interessanti che le aziende possono usare per trarre valore dai propri dati.

BigLake arriva in anteprima

La prima novità presentataci all’evento stampa è proprio BigLake, che diventa disponibile in anteprima. Uno strumento pensato per unificare data warehouse e data lake. E che in questo modo estende le capacità di BigQuery.

L’obiettivo diventa quello di avere controllo e accelerare le prestazioni attraverso lo storage multicloud su una singola copia dei dati. Infatti se le aziende gestiscono data warehouse e data lake in silos separati, aumentano costi, diminuiscono le prestazioni e soprattutto ne risente la sicurezza. Invece utilizzando una risorsa come BigLake non serve duplicare o spostare i dati da una fonte. Tutte le informazioni convergono in un bacino che permette accesso senza limitare la sicurezza.

BigLake google cloud data cloud summit -min

Altra novità riguarda Spanner change steams, che consente di tenere traccia dei cambiamenti all’interno di database Spanner. Ma anche di integrare facilmente questi dati con altri sistemi. Un altro modo per aggregare i dati e puntare sulla creazione di nuovo valore.

Data Cloud Summit 2022: più strumenti di intelligenza artificiale

Google Cloud annuncia anche novità riguardanti Vertex AI, che permete di gestire ogni strumenti in Machine Learning facendolo lavorare in sintonia con BigQuery e non solo. Arriva infatti Vertex AI Workbench (GA), già disponibile. I vostri dati e i sistemi di ML avranno ora una sola interfaccia. Chi lavora con data analytics, data science e machine learning avrà un unico linguaggio, un’unica serie di strumenti. Chi utilizza BigQuery potrà accedere direttamente da Vertex AI Workbench. 

In anteprima arriva anche Vertex AI Model Registry. Una soluzione che offre un repository centrale per trovare e gestire modelli di machine learning, fra cui quelli in BigQuery ML. Così diventa più facile per i data scientist condividere informazioni. E gli sviluppatori di applicazioni possono così trasformare i dati in previsioni e decisioni in tempo reale. Un modo per essere ancora più competitivi.

Vertex AI Model Registry (Preview)-min

Nuovi strumenti di business intelligence

Google Cloud vuole facilitare l’accesso ai dati e semplificare l’innovazione. Per questo arriva unisce i prodotti di Business Intelligence nel Portfolio BI unificato da Google Cloud.

L’azienda annuncia inoltre i Connected Sheets e Data Studio per Looker, per accedere ai modelli di dati Looker in Data Studio. Un’esperienza unificata cui accedere tramite un Looker Explore, un foglio di Google, o utilizzando l’interfaccia Data Studio drag-and-drop. Un’ulteriore semplificazione dell’offerta.

Offerte per clienti e partner

Google ha infine annuncia anche nuovi programmi come il Database Migration Program, per accelerare rapidamente e senza soluzione di continuità la corsa al cloud. Potete passare da on-premises e altri cloud ai servizi di Google di database gestiti. L’offerta include strumenti, risorse e competenze dei partner. Ma anche finanziamenti incentivanti per passare a Google Cloud.

Inoltre arrivano interessanti aggiornamenti dell’ecosistema dei partner, che includono l’iniziativa Google Cloud Ready – BigQuery. Un modo per scoprire anche le soluzioni dei partner (Google ci fa l’esempio di Informatica e Fivetran) . Ci sono oltre 25 partner di lancio in questa iniziativa.

C’è anche Anteprima di Analytics Hub in anteprima. Inoltre vengono annunciate oltre 700 applicazioni dei partner costruite su BigQuery. 

Insomma, le novità sono davvero tantissime e vi invitiamo a leggere il blog post di Google Cloud a riguardo per approfondire. Gli strumenti per gestire e creare valore dai dati sono sempre più performanti e semplici da utilizzare.

Bestseller No. 1
Google Pixelbook Go 13.3" Touch Screen (Intel® Core M3 | 64 GB SSD | 8 GB RAM) Chromebook (Just Black) - UK Model
  • Display LCD touchscreen da 13,3", Full HD 1920 x 1080p, rapporto aspect 16:9, 72% NTSC colorato
  • Chrome OS | tastiera: Full size con pitch da 19 mm, tastiera retroilluminata | Trackpad: extra large con supporto multi-touch e gesture, superficie in vetro temperato con rivestimento anti-sbavatura
  • Dimensioni: 311,0 mm x 206,3 mm x 13,4 mm (lunghezza x larghezza x altezza). Peso: 1090 g
  • Batteria: batteria da 56 Wh, adattatore di ricarica USB-C da 45 W (5 V/3 A, 9 V/3 A, 15 V/3 A, 20 V/2,25 A) che funziona anche con i pixel, tempo di utilizzo fino a 12 ore, ricarica rapida: fino a 2 ore in 20 minuti di ricarica
  • Intel Core M3 | 64 GB SSD | 8 GB RAM

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📣 Red Hat Summit 2024: ecco tutti gli annunci e le novità
📰 Le ultime novità tecnologie al Google I/O 2024: fusione tra AI e app di Google
🦺 Cloud? Sì, ma non senza intoppi: i dati di Cloud Security Report 2024
📀 Synology Active Backup: 20 milioni di account al sicuro
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button