AziendeScenario

Come offrire una Customer Experience di successo: i consigli di Mexedia

La Customer Experience è diventata un fattore chiave per le aziende che vogliono interagire in modo efficace con i consumatori online, sempre più esigenti e alla ricerca di un rapporto diretto e personalizzato. Ma quali sono gli elementi che rendono una Customer Experience Platform efficace e quali i consigli per renderla efficiente nel mercato di oggi, caratterizzato da una grande varietà di canali di interazione?

A questa domanda risponde Mexedia, società benefit specializzata nell’erogazione di servizi tecnologici avanzati per soluzioni su misura per un’esperienza cliente innovativa e all’avanguardia, che ci spiega quali sono i punti fondamentali da tenere in considerazione.

Ecco cosa ne pensa Giovanni Mannarino, Head of Tech and Enterprise in Mexedia:

“L’impatto della Customer Experience sul business non è più trascurabile, anzi è divenuto un pillar di business di estremo valore e affidarsi a piattaforme innovative che permettano alle aziende di ascoltare i clienti, analizzare i dati per anticipare le esigenze future e soddisfare velocemente le richieste è la chiave per creare un’esperienza cliente davvero unica e di valore”.

I 5 consigli di Mexedia per una Customer Experience di successo

I consigli di Mexedia per una Customer Experience di successo sono essenzialmente cinque. Vediamoli di seguito.

Prova Fiverr, i servizi freelance perfetti per la tua attività

1 – Gestione efficiente del tempo

Gli utenti online vogliono ottimizzare il loro tempo, essere compresi a fondo e non perdere le informazioni fornite. Una Customer Experience Platform deve quindi garantire che lo storico delle interazioni sia sempre mantenuto e accessibile all’interlocutore dell’azienda, per offrire un servizio efficiente e personalizzato e rispondere tempestivamente alla richiesta.

2 – Approccio omnicanale

Gli utenti devono poter raggiungere l’azienda attraverso tutti i canali disponibili, in modo fluido e senza intoppi. La Customer Experience deve quindi essere articolata su tutti i touchpoint possibili, senza soluzione di continuità.

3 – Business automation

Per le aziende è importante snellire i processi interni e migliorare l’efficienza operativa. Una piattaforma dedicata alla Customer Experience deve quindi integrare strumenti di business automation, come l’automazione dei processi aziendali (BPA), l’automazione dei processi robotici (RPA) e l’automazione basata sull’intelligenza artificiale (AI), per automatizzare tutti i processi più ripetitivi e lasciare che i collaboratori possano dedicarsi alle attività più strategiche e ad alto valore.

4 – Personalizzazione

Ogni azienda desidera instaurare un rapporto duraturo con i propri clienti: offrire loro unicità e ascolto è fondamentale per garantire un’esperienza piacevole e personale e per costruire una relazione solida e duratura nel tempo. Per questo, occorre profilare i clienti in modo preciso e accurato.

5 – Adottare gli strumenti giusti

Occorre adottare uno strumento dedicato alla gestione della Customer Experience che raccolga tutte le informazioni degli utenti da tutti i touchpoint, così da favorire la fidelizzazione del cliente e permetta di misurare il successo delle iniziative intraprese.

“Oggigiorno siamo abituati ad interagire attraverso moltissimi canali di comunicazione molto diversi fra loro sia nella sfera privata che in quella professionale. Questo approccio ha sicuramente aumentato da un lato la rapidità di comunicazione tra i brand e i clienti, abbattendo quella sorta di barriera fra le due parti. Ma se da un lato i clienti hanno avuto la possibilità di comunicare più rapidamente con i brand, dall’altro questo modus operandi ha aumentato la frammentazione nell’ambito della customer experience. Diviene quindi sempre più importante oggi poter comunicare con i propri clienti attraverso tutti i touchpoint disponibili e garantire loro il medesimo livello di ascolto e supporto, a prescindere dal canale“, conclude Mannarino, ribadendo l’importanza di un approccio personalizzato e omnicanale.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

🔮 Il futuro dell’innovazione tecnologica, ecco come l’AI può esserci d’aiuto
 🕸️ La rivoluzione nell’automazione delle reti aziendali
🇪🇺 L’Unione Europea e il confine tra algoritmo e intelligenza artificiale
🏭 Google lancia IA per il Made in Italy per supportare le PMI italiane
 
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
  
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
  
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
  
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
  
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
  
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Marco Brunasso

Scrivere è la mia passione, la musica è la mia vita e Liam Gallagher il mio Dio. Per il resto ho 30 anni e sono un musicista, cantante e autore. Qui scrivo principalmente di musica e videogame, ma mi affascina tutto ciò che ha a che fare con la creazione di mondi paralleli. 🌋From Pompei with love.🧡

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button