AziendeCase StudyNews

Telebit sceglie Nutanix (e ottiene due certificazioni ISO)

Nutanix ha annunciato che Telebit ha optato per la sua soluzione iperconvergente per assicurare ai propri clienti la migliore business continuity dei servizi ICT, ottenendo anche due importanti certificazioni ISO.

Telebit sceglie Nutanix, per scalabilità e continuità

Telebit, che ha raggiunto un fatturato di 220 milioni di euro e più di 1.200 dipendenti negli ultimi anni, ha mostrato una forte crescita, puntando su efficacia e scalabilità. Con la soluzione iperconvergente di Nutanix, ha costruito una solida business continuity e sta usando con successo le tecnologie DevOps.

Germano Quarta, Direttore Tecnico di Telebit, spiega: “Oggi abbiamo 28 sedi in Italia, e continuiamo a crescere. Se riusciamo a farlo erogando servizi in modo affidabile e robusto è anche merito delle soluzioni Nutanix, che ci consentono di operare in sicurezza e continuità e di guardare a un futuro di ulteriori sfide tecnologiche.”

Nutanix ha annunciato il suo nuovo evento virtuale Nutanix Essentials

Per sostenere la propria crescita, Telebit doveva affrontare due sfide principali: rendere più resilienti le infrastrutture, e quindi i servizi offerti. E dall’altro lato contare su tecnologie in grado di portare una maggiore efficienza in ambito di sviluppo software.

Volevamo implementare una soluzione scalabile”, spiega Quarta, “perché i ritmi di crescita erano impegnativi. Abbiamo valutato diverse alternative, ma poi ci siamo diretti verso le architetture iperconvergenti per implementare un’efficace business continuity, un altrettanto performante disaster recovery e per sviluppare nuovi servizi sfruttando metodologie moderne come DevOps e container” continua Quarta.

Collaborazione stretta con Var Group

Collaborando a stretto contatto con il partner Var Group, Telebit ha fin da subito deciso di puntare sulla tecnologia Nutanix. Dopo qualche mese di studio e analisi, a dicembre 2021 inizia il progetto infrastrutturale.

L’azienda spiega che si è partiti con la realizzazione di due micro-datacenter, situati in due città diverse (prima le macchine erano installate in due edifici dello stesso complesso). Ogni sistema si basa su un cluster di tre nodi HPE, gestiti da Nutanix AOS e Prism.

emissioni data center nutanix-min

Il primo si trova presso la sede dell’azienda a Treviso e l’altro in housing nel data center di TIM/Noovle di Padova. I due siti sono collegati attraverso una connessione dark fiber. L’intero carico di lavoro di Telebit va a questa nuova infrastruttura replicata e ridondante. In questo modo, garantisce lo sviluppo efficiente di software, arricchita da Nutanix Kubernetes Engine. Una maggiore resilienza, senza stravolgere la struttura esistente.

Norton: maggiore sicurezza per i dispositivi e VPN per la privacy online

Due certificazioni ISO

Telebit ha scelto la soluzione Nutanix per migliorare la sua infrastruttura IT e garantire ai suoi clienti una maggiore sicurezza e continuità operativa. Ma anche per dimostrarlo ai propri clienti e partner. Infatti, grazie a Nutanix Telebit ha ottenuto le certificazioni ISO 22301 e 27001. E ha ridotto i tempi di ripristino in caso di guasti o disastri. Rispettivamente, da 6 a 1 ora e da 1 ora a 15 minuti.

Matteo Tonon, IT Manager di Telebit, spiega che in realtà “il tempo di entrambi i parametri potrebbe essere anche inferiore, cioè solo quello necessario ad accendere le macchine virtuali, circa 20 minuti per l’RPO e 5 per l’RTO”.

Inoltre, Telebit ha semplificato la gestione del suo ambiente virtuale con Prism. E ha liberato risorse per innovare le sue applicazioni software con metodologie DevOps e container. Telebit sta anche ampliando il suo ambito di attività nel settore ICT, sfruttando una piattaforma IOT e un NOC basato sull’intelligenza artificiale per offrire ai suoi clienti servizi di manutenzione predittiva e di virtualizzazione delle reti.

Quarta conclude: “Per poter raccogliere i dati necessari ad alimentare i servizi offerti dal NOC, abbiamo sviluppato una piattaforma IOT e stiamo costruendo il database sull’infrastruttura HCI di Nutanix. Con questa architettura e il controllo intelligente dei diversi KPI, potremo gestire i ticket dei clienti in modo proattivo ed efficace, sviluppando nuove competenze nel segmento delle reti del futuro, basate sulla virtualizzazione”.

Maggiori informazioni sul sito di Nutanix.

Cloud Essentials: Un viaggio nel Cloud Computing
  • Mittica, Gabriele (Autore) - Nash, Phil, Peters, Sven, Poccia, Danilo (Narratori)

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📣 Red Hat Summit 2024: ecco tutti gli annunci e le novità
📰 Le ultime novità tecnologie al Google I/O 2024: fusione tra AI e app di Google
🦺 Cloud? Sì, ma non senza intoppi: i dati di Cloud Security Report 2024
📀 Synology Active Backup: 20 milioni di account al sicuro
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button