NewsScenario

IBM: apre a Bari il laboratorio We|LAB, a sostegno della trasformazione digitale

In collaborazione con Politecnico e Università di Bari, IBM ha inaugurato il laboratorio We|LAB, dove saranno progettate nuove soluzioni per la trasformazione digitale. L’azienda aggiunge così un polo di eccellenza per l’ecosistema territoriale, coinvolgendo gli studenti e incentrando il progetto sull’impiego della tecnologia cloud e dell’Intelligenza Artificiale.

IBM We|LAB, la trasformazione digitale parte da Bari

ibm we lab bari

“Il We|LAB – dichiara Enrico Cereda, amministratore delegato di IBM Italiaaiuterà i giovani nello sviluppo delle nuove competenze, avvicinandoli alle necessità delle imprese impegnate nei progetti di trasformazione digitale. Per questa via, con il collante della tecnologia, si tiene vivo un circolo virtuoso di cooperazione tra le parti con cui sostenere lo sviluppo di un’innovazione aperta e di un’economia della conoscenza”.

Bari è un centro di ricerca e sviluppo di IBM sin dal 1996. Nel capoluogo pugliese la società è diventata un vero punto di rfierimento per l’innovazione di molteplici settori: è qui che è nata la prima applicazione di gestione dei contatori elettronici in Italia. Oggi, grazie al lavoro di 60 specialisti, i progetti applicativi mirano alle utility, al bancario e ai trasporti.

Il laboratorio We|LAB, nato dalla partnership tra i due atenei, consentirà agli studenti dell’ultimo anno di svolgere stage e corsi di formazione basati sulla tecnologia IBM.

L’approccio previsto sarà di tipo pratico: attraverso modelli non convenzionali, quali il design thinking e il co-creation, i ragazzi affronteranno casi aziendali e la prototipazione delle idee che essi stessi proporranno durante gli incontri. A tal proposito, il progetto di IBM vanta già importanti collaborazioni con imprese come Natuzzi, Megamark, Fermalabor, Casillo Group e con la facoltà di Medicina di Bari – in ambito Healthcare.

Tra i lavori ideati all’interno del We|LAB, attivo da marzo, troviamo il disegno di una Blockchain dedicata alla filiera dell’Extravergine di Oliva. Nella sua fase di lancio, il progetto vede coinvolto anche OlivYou, il più grande e-commerce italiano di olio EVO.

Autore

  • Pasquale Fusco

    A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button