AziendeNewsSoftware

Denodo: le priorità per il 2023 delle aziende italiane sulla Data Democratization

In che modo le aziende italiane traggono vantaggio dalla democratizzazione dei dati?

Dopo i due precedenti sondaggi, quello del 2021 sulla gestione dei dati nelle aziende italiane e quello del 2022 sulla trasformazione Data Driven, IKN Italy rinnova la collaborazione con Denodo. L’azienda propone un sondaggio esplorativo su come le aziende stanno interpretando la data democratization e come stanno traendo vantaggio da essa. Le risposte sono state raccolte da luglio a novembre 2022. L’obiettivo della Survey di quest’anno è quello di tratteggiare, attraverso le risposte fornite dai partecipanti, il modo in cui le aziende stanno interpretando, vivendo e implementando la data democratization, nello spirito di rendere accessibili i dati a tutti coloro che ne debbano fare uso. La platea dei rispondenti è stata piuttosto eterogenea, con presenze in tutti i settori di mercato, sia privati che pubblico.

Quanto è importante in un’azienda il tema della Data Democratization?

Per quanto riguarda l’importanza della data democratization all’interno dell’azienda, si rileva un 43% di rispondenti che ritengono il tema molto importante. Un 32% invece, lo ritiene comunque degno di interesse, anche se in ambiti più limitati rispetto a quello dell’intera azienda o amministrazione.
Il risultato conferma quindi che il tema è decisamente attuale. Viene probabilmente visto come un passo necessario verso una trasformazione Data-Driven, per la quale un uso democratico dei dati ne rappresenta forse una condizione necessaria. Va comunque evidenziato anche quel 25% di rispondenti che, almeno al momento, non ritengono il tema di particolare interesse.

Denodo Logo

Rispetto ai vantaggi principali legati alla democratizzazione dei dati, le risposte ottenute sono molto articolate, ma consentono di evidenziare alcune categorie decisamente rilevanti. La prima è quella che potremmo chiamare facilità d’uso, che con un 63% raggruppa chi vede nella democratizzazione una riduzione del tempo e dello sforzo nell’usare i dati e chi un aumento della propria autonomia, riducendo di conseguenza quella dall’IT o, in generale, dalle strutture che gestiscono i dati dal punto di vista tecnico. Interessante anche il 19% che vede il processo di democratizzazione come elemento chiave per poter definire regole chiare per chi usa i dati.

I principali ostacoli che possono frenare una democratizzazione dei dati

Decisamente ampio l’elenco dei potenziali ostacoli verso una democratizzazione dei dati, che confermano innanzitutto come sia necessaria, per il 22% dei rispondenti, una forte sponsorship affinché l’iniziativa abbia speranza di successo. Seguono poi quelli che ritengono come siano le trasformazioni in ambito organizzativo e culturale a rappresentare ostacoli significati. Non trascurabile, poi, la difficoltà nel definire le regole di Data Governance (17%). Queste in un contesto di democrazia dei dati possono essere viste come i diritti e i doveri di chi utilizzerà i dati.

Denodo Ricerca Data

L’infrastruttura tecnologica viene vista come ostacolo solo da un 10% dei rispondenti. Il dato conferma che la percezione è quella di una tecnologia decisamente matura, mentre le vere difficoltà sono altrove, nelle dimensioni culturali e organizzative. Infine, un 10% dei rispondenti ritiene che la particolarità dei dati gestiti dalla propria azienda o amministrazione sia tale da rendere difficilmente percorribile una tale trasformazione. A parte i benefici e gli ostacoli, è ovviamente importante, nel caso di decida di intraprendere il percorso, identificare il corretto punto di partenza. Per il 38% è nel sostegno a un cambio culturale, che veda nella diffusione di uno spirito votato alla condivisione la chiave per una vera democrazia.

Al secondo posto si colloca il 32% di rispondenti che ritengono comunicazione e formazione come elementi chiave per il successo dell’iniziativa. Il 26% ritiene invece corretto partire dalla predisposizione del giusto impianto organizzativo, che dovrà poi lanciare e sostenere una tale trasformazione. Percentuali decisamente basse, entrambe del 2%, vedono invece un avvio a partire dall’analisi di quali dati necessitino effettivamente di un processo di democratizzazione e dalla scelta dell’infrastruttura tecnologica a supporto.

I modelli che verranno utilizzati in futuro

Per quanto riguarda l’implementazione di nuovi modelli o paradigmi tecnologici, circa un terzo dei rispondenti (32%) hanno indicato il Data Mesh come un paradigma di riferimento. Questo conferma quanto sia crescente l’interesse per questo nuovo modo di gestire organizzativamente i dati. Il Data Fabric, virtuale o tradizionale che sia, ottiene un 28% complessivo, segno della modernizzazione che stanno avendo le infrastrutture di integrazione dati, anche se forse sarebbe stato lecito aspettarsi una percentuale anche maggiore. Decisamente interessante, infine, il 29% di chi adotta un approccio DaaS, sicuramente moderno e orientato a un consumo veloce dei dati. Ma anche alla base di iniziative di Data Marketplace e Data Monetization.

Rispetto alle tecnologie che saranno implementate nel prossimo futuro da parte delle aziende intervistate, a parte una piccola percentuale di rispondenti (3%) che ancora non sembra avere una chiara visione o di aver fatto una scelta, si rileva una quasi omogeneità tra l’uso di un Data Warehouse, di un Data Lake e di un Data Lakehouse. L’intelligenza artificiale, della quale il Machine Learning ne è una branca, è stata selezionata dal 21%. Se unita alla percentuale riservata al Machine Learning però, porta a un 35% di rispondenti che utilizzano una di queste due tecniche come parte integrante nell’uso e consumo dei dati. Sorprende non poco la bassa percentuale di coloro che hanno indicato l’uso della Data Virtualization (4%). Soprattutto se confrontata con quella che, nella domanda precedente, ha caratterizzato l’utilizzo di un Logical Data Fabric. Qui per consultare il report completo.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📣 Red Hat Summit 2024: ecco tutti gli annunci e le novità
📰 Le ultime novità tecnologie al Google I/O 2024: fusione tra AI e app di Google
🦺 Cloud? Sì, ma non senza intoppi: i dati di Cloud Security Report 2024
📀 Synology Active Backup: 20 milioni di account al sicuro
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Marzia Ramella

Scrivo di libri, film, tecnologia e cultura. Ho diversi interessi, sono molto curiosa. La mia più grande passione però sono i libri: ho lavorato in biblioteca, poi in diverse case editrici e ora ne scrivo su Orgoglionerd.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button