AziendeNewsScenario

Cresce l’eCommerce B2B: il 61% delle aziende italiane ne fa uso, quasi +12% rispetto a 2021

Nei prossimi tre anni, la quota di fatturato dalle vendite online B2B passerà dall’11% al 25%

Norton: maggiore sicurezza per i dispositivi e VPN per la privacy online

In occasione dell’evento Netcomm Focus B2B Digital Commerce è stata presentata la IV edizione dell’Osservatorio B2B Digital Commerce di Netcomm, realizzata con il supporto di Adacto | Adiacent, Big Commerce e Rewix. La ricerca che è stata condotta su un campione di 400 imprese con fatturato sopra i €2 milioni. È emerso che il 61% delle aziende italiane ha attività eCommerce B2B con proprio sito o su marketplace, l’11,7% in più rispetto al 2021.

Tra queste, prevalgono sempre di più le imprese focalizzate sull’utilizzo di marketplace B2B, costituiscono il 34%, con una crescita del 10% rispetto al 2021, non solo per la vendita, ma anche in chiave di lead generation. Tra il 39% che non ha ancora adottato soluzioni di eCommerce B2B, il 13% intende svilupparle nei prossimi 12 mesi. Percentuale che risulta raddoppiata rispetto al 2021 e che dimostra il crescente interesse per gli strumenti di vendita online, soprattutto presso le aziende di maggiori dimensioni. La quota di fatturato dalle vendite digitali in ambito B2B si attesta all’11%. È però prevista una crescita di 14 punti percentuali nel giro di tre anni.

I freni allo sviluppo dell’eCommerce B2B

Le aziende che hanno attivato in modo strutturato processi e servizi per i canali digitali sono il 27%. Possiamo definirle Heavy Digital, perché il loro processo di digitalizzazione ha già toccato tutte le fasi canoniche, con particolare attenzione al pre-vendita orientato al marketing, alle vendite tramite sito diretto e al post-vendita. La quota maggiore, il 34%, è però costituita dai cosiddetti eCommerce oriented. Ovvero quelle aziende che si sono focalizzate sull’eCommerce e su di esso hanno fondato le strategie di vendita. Tra queste, 1 su 3 è entrata nell’universo delle vendite online B2B con l’inizio della pandemia.

Netcomm Logo

Al di fuori della quota di aziende che fa uso di soluzioni eCommerce B2B (il 61%, in totale), è presente una piccola porzione di imprese (il 14%) che si trovano ancora in uno stato di sviluppo embrionale del percorso di adozione degli strumenti digitali. I cosiddetti Light Digital si concentrano solo su fasi legate al pre-vendita, soprattutto in chiave di lead generation, e/o al post-vendita. Sono però propensi alla digitalizzazione e credono che possa rappresentare un’opportunità di sviluppo. Infatti, tra questi, 1 su 2 dichiara che nel corso del prossimo anno investirà in servizi di formazione e consulenza a supporto del processo di digitalizzazione e 4 su 10 sullo sviluppo del proprio eCommerce diretto tramite sito.

Rimane considerevole il numero di aziende che non hanno ancora attivato il processo di digitalizzazione in nessuna fase. Esse costituiscono il 25% e oltre il 40% di queste non ha in agenda di sviluppare un canale eCommerce neanche in futuro. Si tratta di una porzione refrattaria alla digitalizzazione, che possiamo denominare come No Digital. Individua tra i principali ostacoli la complessità del progetto, la mancanza di competenze interne e all’entità degli investimenti. Sono ragioni che trovano parziale riscontro anche nel cluster precedente. In generale, la percezione di scarsa convenienza è il primo freno allo sviluppo dell’eCommerce per il B2B. Le aziende hanno inoltre segnalato anche difficoltà legate agli aspetti logistici e a timori di conflittualità con altri canali di vendita.

I servizi più utilizzati e gli investimenti per la digitalizzazione

La vendita online tramite il proprio sito eCommerce B2B è l’attività digitale più diffusa (il 40% delle aziende intervistate ne fa uso). È seguita da servizi di marketing e post-vendita, dove gli Heavy Digital sono campioni indiscussi. I Light Digital si dimostrano invece molto focalizzati sulla fase di pre-vendita finalizzata alla lead generation, attivata dal 60% del cluster e in crescita rispetto al 2021. Entrando nel merito dei servizi più utilizzati per i canali online, primeggiano i cataloghi digitalizzati e le schede prodotto.

Per le aziende di dimensioni maggiori, vi è un significativo maggior utilizzo di servizi specifici per il B2B Digital Commerce. Quali pagamenti digitali, Customer Care Commerciale B2B, servizi logistici e listini online personalizzati. Infine, le aziende eCommerce oriented, oltre ai cataloghi digitalizzati, hanno utilizzato soprattutto servizi logistici e di consegna, listini di prezzi pubblici e servizi di pagamento specifici per le vendite digitali. Proprio questi ultimi sono diventati un aspetto imprescindibile per le aziende che vendono online, tanto che l’80% di queste ne fa uso.

Per affrontare il processo di digitalizzazione le aziende hanno dovuto intraprendere iniziative di riorganizzazione interna e/o investimenti. Nel 53% dei casi, infatti, sono state sviluppate competenze del personale già impiegato, mentre per il 39% gli incarichi sono stati demandati a professionisti e aziende esterne, principalmente, web agency e aziende ICT. Solo il 26% delle aziende ha assunto personale dedicato alle nuove attività B2B con i canali digitali. Nei prossimi 12 mesi, gli investimenti si concentreranno primariamente su servizi di formazione e consulenza, ma anche sullo sviluppo di contenuti di digital marketing, entrambe voci in forte aumento rispetto al 2021. Inoltre, resterà elevata l’intenzione a investire nel proprio eCommerce diretto, soprattutto da parte di quelle aziende che lo hanno già adottato e, alla luce del ritorno positivo di cui hanno beneficiato, desiderano rafforzare questo strumento. Questo è quanto emerso in occasione dell’evento Netcomm Focus B2B Digital Commerce.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📣 Red Hat Summit 2024: ecco tutti gli annunci e le novità
📰 Le ultime novità tecnologie al Google I/O 2024: fusione tra AI e app di Google
🦺 Cloud? Sì, ma non senza intoppi: i dati di Cloud Security Report 2024
📀 Synology Active Backup: 20 milioni di account al sicuro
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Marzia Ramella

Scrivo di libri, film, tecnologia e cultura. Ho diversi interessi, sono molto curiosa. La mia più grande passione però sono i libri: ho lavorato in biblioteca, poi in diverse case editrici e ora ne scrivo su Orgoglionerd.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button