NewsSicurezza

Kaspersky insegna come difendersi dal doxing

Online il corso gratuito realizzato in collaborazione con Endtab.org

Per aiutare gli utenti a proteggersi dal doxing, Kaspersky, in collaborazione con Endtab.org, ha lanciato un corso online gratuito che ha l’obiettivo far conoscere questo tipo di minaccia, utilizzare le misure necessarie per proteggersi e su come affrontarne le eventuali conseguenze.

Si pensa che il doxing prenda di mira solo i gruppi di persone più vulnerabili o quelle persone che esercitano professioni specifiche come giornalisti, attivisti o lavoratori del sesso. Ma i recenti attacchi, al contrario mettono in luce che sono colpite persone di ogni estrazione sociale e culturale. Secondo Kaspersky le ragioni dietro ad un attacco di questo genere possono essere diverse e spaziano dal puro divertimento all’idea che sia un modo per ottenere giustizia per un torto subito o anche per vendetta, gelosia, molestie e persino profitto.

Un attacco doxing ben attuato può distruggere improvvisamente la vita di una persona. E non bisogna pensare che le informazioni private si limitano ai soli account social. I malintenzionati possono “esporre” una fuga di dati, o da dati condivisi dai fitness tracker, da registri ufficiali o da messaggi privati. Come risaputo ogni utente lascia un’impronta digitale che può essere intercettata e sfruttata dai doxer. Per evitare di essere soggetti a una attacco doxing , sarebbe necessario sviluppare abitudini digitali corrette ed approcciarsi al mondo online in modo consapevole. Il corso sviluppato da Kaspersky e EndTab.org ha proprio lo scopo di aiutare gli utenti a raggiungere questo obiettivo.

Sette lezioni nel corso online di Kaspersky ed Endtab

Il corso si basa su sette brevi lezioni che spiegano le origini del doxing, gli obiettivi dei doxer, gli aspetti etici di questa pratica, come difendersi e, soprattutto, come comportarsi in caso di attacco. La prima metà del corso è già disponibile online, mentre le restanti lezioni saranno rilasciate nelle prossime settimane.

Corso online Kaspersky Endtab

“Proprio come avviene nel mondo reale, abbiamo bisogno di sviluppare buone abitudini e seguire regole che ci aiutino a vivere nel mondo digitale in modo sicuro. Kaspersky mette a disposizione le sue competenze nel campo della sicurezza informatica e nell’uso della tecnologia per fornire agli utenti le informazioni e gli strumenti più adeguati a consentirgli di raggiungere questo scopo. È vero che le possibilità di essere colpiti da un attacco di doxing sono basse, ma il rischio esiste e non possiamo essere certi che qualcuno prima o poi non decida di sceglierci come vittima indipendentemente dal fatto che l’obiettivo finale sia il cyberbullismo, l’estorsione di denaro, divertirsi, o credere di farsi giustizia. Il modo migliore per difendersi dal doxing è informarsi. Ci auguriamo che il nostro corso aiuti gli utenti a responsabilizzarsi e a beneficiare dei vantaggi della tecnologia senza preoccupazioni”.

“Inoltre, il corso ha l’obiettivo di sensibilizzare e evitare che diventiate voi stessi dei doxer, di proposito o in maniera inconsapevole. È necessario capire che si tratta di una pratica pericolosa che va contro gli standard etici della nostra società”, ha dichiarato Anna Larkina, privacy expert di Kaspersky.

“Inoltre, è fondamentale che soprattutto i genitori conoscano i rischi di questa pratica. Infatti, il doxing è principalmente utilizzato nel cyberbullismo e nelle situazioni di abusi tra adolescenti. Conoscere i pericoli del doxing può aiutarci a proteggere noi stessi e i nostri figli nel mondo digitale”, ha aggiunto Adam Dodge, CEO di Endtab.org

Il corso online è il primo di una serie di strumenti messi a punto da Kaspersky per consentire agli utenti di migliorare la loro vita digitale. Il corso è disponibile gratuitamente su Education.kaspersky.com.

Danilo Loda

100% "milanes", da una vita scrivo di bit e byte e di quanto inizia con on e finisce con off. MI piace tutto quello che fa rumore, meglio se con un motore a scoppio. Amo viaggiare (senza google Maps) lo sport, soprattutto se è colorato di neroazzuro.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button