AziendeCase Study

Schneider Electric premia la sostenibilità dei suoi partner con i Sustainability Impact Awards

Anche quest’anno si è tenuta la premiazione dei partner più green di Schneider Electric. Il Sustainability Impact Awards di Schneider Electric premia i tre partner sul territorio nazionale che più si sono impegnati in progetti ad alto impatto sulla sostenibilità. Sostenibilità per l’azienda, ma anche per i suoi clienti e per il territorio in cui questa opera.

Abbiamo scelto di premiare le realtà che dimostrano come con le tecnologie oggi disponibili si possa ottenere un impatto molto significativo: sono aziende e partner che per noi sono “Impact Maker” in quanto hanno trasformato le loro ambizioni di sostenibilità in risultati concreti. Ci congratuliamo vivamente con loro e siamo molto orgogliosi di averle potute accompagnare come partner di fiducia attraverso le nostre competenze e le nostre piattaforme

Aldo Colombi, Presidente e Amministratore Delegato di Schneider Electric Italia
Schneider Electric Sustainability Impact Awards
Da sinistra a destra, Michela Conterno (AD di LATI) Alberto La Greca (InfoCamere) e Silvia d’Agostino (Tecno Service)

La parola ai vincitori

In occasione della premiazione, i vincitori hanno illustrato a colleghi e stampa i progetti sviluppati e, soprattutto, i risultati che hanno raggiunto.

InfoCamere

InfoCamere, la società delle Camere di Commercio italiane per l’innovazione digitale, ha affrontato il problema spinoso, e anche molto attuale, della sostenibilità dei Data Center.

Alberto La Greca, Responsabile della Struttura Servizi Tecnici per Immobili e Impianti di InfoCamere, è andato al cuore del problema parlandoci di un percorso di innovazione sostenibile che ha coinvolto il Data Center della loro sede di Padova, che offre servizio a tutto il territorio nazionale.

Il progetto di efficientamento energetico, iniziato nel 2015, non solo ha ridotto i consumi energetici, ma ha anche permesso di aumentare la potenza elaborativa e l’affidabilità dell’infrastruttura. Grazie all’impiego delle tecnologie di Schneider Electric, InfoCamere ha ridotto i consumi elettrici presso la sede di Padova di oltre 1 milione di kWh all’anno, pari a più del 15% dei consumi totali.

Il premio, attribuito per il grande risultato ottenuto, è stato consegnato ad Alberto La Greca da Silvia Olchini, VP Secure Power di Schneider Electric

LATI

LATI ha offerto una prospettiva molto interessante. Innanzitutto, è un’azienda di produzione di compound termoplastici. Per cui, non ha come core business l’ICT, ma vede anche la sostenibilità ambientale come un fattore imprescindibile del suo processo produttivo. Inoltre, non è solo partner di Schneider Electric, ma anche suo fornitore; pertanto, la sostenibilità ha veramente una doppia valenza per l’azienda.

Le imprese famigliari, come la nostra, hanno un volto e un nome, e questo crea una predisposizione naturale per la corporate social responsibility. Noi siamo presenti sul territorio e dobbiamo rendere conto al territorio di tutta la nostra catena produttiva.

Michela Conterno, A.D. di LATI

Michela Conterno, Amministratore Delegato di LATI, ci ha illustrato come l’azienda, grazie all’utilizzo della piattaforma Power Monitoring Expert di Schneider Electric, ha potuto digitalizzare tutte le fasi dei suoi processi produttivi. Il risultato finale è stato una riduzione, nel 2022, del 19% delle emissioni Scope 1 e del 23% delle emissioni Scope 2. Le emissioni Scope 1 e Scope 2 sono rispettivamente il risultato diretto della combustione di combustibili fossili e quello indiretto derivato dalla generazione di energia.

Il premio, attribuito per la costante centralità della sostenibilità nelle proprie strategie di sviluppo, è stato consegnato a Michela Conterno da Teresa Camasso, Regional Sales Director di Schneider Electric.

Tecno Service

L’ultimo intervento, quello di Tecno Service s.r.l., attraverso le parole di Nicola Bosi, Responsabile Telecontrollo di Tecno Service, tocca un altro tema molto importante: quello delle emissioni degli edifici. In particolare, Tecno Service ha presentato un progetto che ha coinvolto l’azienda sanitaria USL Toscana Ovest.

Il progetto di Tecno Service, che agiva in qualità di partner della rete EcoXpert di Schneider Electric, si è posto come obiettivo il miglioramento dell’efficienza energetica e operativa in 13 ospedali. Obiettivo raggiunto grazie alla digitalizzazione degli impianti meccanici ed elettrici. Con una integrazione all’interno della piattaforma EcoStruxure Building Operations si è infatti arrivati a una riduzione del 41% delle emissioni di CO2.

Il premio, assegnato per il valore della sostenibilità per il cliente, è stato consegnato a Nicola Bosi e Francesco Saloi (Direttore di Produzione di Tecno Service) da Dario Brambilla, VP Marketing Strategico di Schneider Electric.

Appuntamento per il 2025

Schneider Electric ci dà appuntamento per la prossima edizione degli Schneider Electric Sustainability Impact Awards. Nel frattempo, i progetti vincitori dell’edizione italiana parteciperanno alla selezione globale. I vincitori a livello mondiale saranno annunciati il 3 aprile 2024 durante il Paris Innovation Summit di Schneider Electric.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

🔮 Il futuro dell’innovazione tecnologica, ecco come l’AI può esserci d’aiuto
 🕸️ La rivoluzione nell’automazione delle reti aziendali
🇪🇺 L’Unione Europea e il confine tra algoritmo e intelligenza artificiale
🏭 Google lancia IA per il Made in Italy per supportare le PMI italiane
 
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
  
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
  
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
  
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
  
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
  
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Dario Maggiorini

Si occupa di tecnologia e di tutto quello che gira attorno al mondo dell'ICT da quando sa usare una tastiera. Ha un passato come sistemista e system integrator, si è dedicato per anni a fare ricerca nel mondo delle telecomunicazioni e oggi si interessa per lo più di scalabilità e sistemi distribuiti; soprattutto in ambito multimediale e per sistemi interattivi. Il pallino, però, è sempre lo stesso: fare e usare cose che siano di reale utilità per chi lavora nel settore.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button