NewsScenario

Proofpoint: la sicurezza aziendale passa dalle persone

Negli ultimi anni le aziende si sono concentrate su modelli di protezione tradizionali, focalizzati sull’infrastruttura e pensati per bloccare il perimetro. In realtà sono le persone, e non la tecnologia, ad essere il bersaglio dei cyber criminali. A dimostrarlo sono i dati raccolti dai ricercatori di Proofpoint: oltre il 99% degli attacchi IT viene attivato dalle persone.

Proofpoint Grafico 1Pensate che nel solo Q3 del 2018 i tentativi di phishing delle credenziali aziendali sono quadruplicati rispetto allo stesso trimestre del 2017. In generale poi le frodi via email sono aumentate dell’80%, una percentuale che sale al 192% quando si guarda al solo settore Education.

Da segnalare poi il vertiginoso incremento delle frodi tramite supporto clienti sui social media e di quelle basate sull’ingegneria sociale.

Ma quali sono i lavoratori a rischio? Beh, in realtà tutti. Gli attacchi non risparmiano nessuno. Un terzo di tutti gli attacchi del Q3 2018 ha colpito ruoli excetuvie e manager di alto livello, ma non mancano tentativi di phishing mirati ai collaboratori individuali, al middle management e a coloro che lavorano nei settori operations e produzione.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📣 Red Hat Summit 2024: ecco tutti gli annunci e le novità
📰 Le ultime novità tecnologie al Google I/O 2024: fusione tra AI e app di Google
🦺 Cloud? Sì, ma non senza intoppi: i dati di Cloud Security Report 2024
📀 Synology Active Backup: 20 milioni di account al sicuro
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button