AziendeNewsScenario

Come si può migliorare l’offerta del food ecommerce in Italia? La ricetta di BigCommerce

Nel 2021, in Italia, quasi il 25% dei consumatori ha acquistato cibo o generi alimentari online

Scopri Revolut, il tuo conto online direttamente da casa tua

Irene Rossetto, Country Director di BigCommerce in Italia, illustra il suo punto di vista riguardo l’offerta del food ecommerce in Italia. Nel 2021, in Italia, quasi il 25% dei consumatori ha acquistato cibo o generi alimentari online, rispetto al 46% nel Regno Unito e al 33% in Spagna. Si potrebbe pensare che i consumatori italiani siano semplicemente meno attratti dagli acquisti online di generi alimentari rispetto ai consumatori di altri Paesi dell’UE, ma la quota di mercato raggiunta dal food online ci racconta tutt’altro. Il valore degli acquisti nel settore dell’ecommerce B2C food & grocery in Italia, infatti, nel 2017 era di 0,8 miliardi di euro, mentre nel 2022 ha raggiunto i 4,8 miliardi di euro.

Questo significa che in Italia il problema non è la propensione all’acquisto del food online, ma, probabilmente, un’offerta che non è sempre all’altezza delle aspettative. Come è dunque possibile migliorare l’offerta? Il punto di partenza è quello di calibrare al dettaglio la propria strategia ecommerce, iniziando a comprendere chi sono i propri clienti, quali sono i loro gusti e come si comportano online. Questo rappresenterà il miglior avvio per determinare il tipo di stack tecnologico di cui dover disporre. Stabilito ciò, è essenziale preparare alcuni ingredienti imprescindibili per la riuscita della propria ricetta.

Un food ecommerce a prova di futuro

Nel food commerce tutto ruota intorno al cliente; quindi, qualsiasi azione deve tendere a migliorare la customer experience. Non è un caso che il 21% dei merchant in ambito food & grocery intervistati da BigCommerce abbia dichiarato che una migliore user experience rappresenta l’obiettivo strategico per il 2023. Per ottenere questo risultato è necessario concentrarsi sulla personalizzazione. In ambito food commerce, questo implica dare ampio spazio alle promozioni, alla vendita in bundle con la possibilità di creare pacchetti ad hoc, alla proposta di prodotti affini a quelli che sono stati già acquistati o, ancora, ad azioni relative a spesa ricorrente e riordino automatico. L’analisi dei dati dei clienti presenti nei sistemi di back-office rappresenta un’enorme opportunità per migliorare la user experience e investire in strumenti di personalizzazione.

BigCommerce Italia

Un altro segreto per un’esperienza utente unica è la semplicità. Il 17% degli acquirenti ha abbandonato il carrello perché il processo di checkout era troppo lungo o indaginoso, il che dimostra come ogni passaggio in più nel percorso dell’acquirente rappresenti una possibilità di perderlo; per questo è importante rendere il suo viaggio il più lineare possibile. Tuttavia, può essere complicato migliorare l’esperienza utente se la piattaforma ecommerce che si utilizza non è sufficientemente agile.

La soluzione ideale a riguardo è quella di disporre di una piattaforma headless. Un’architettura headless e componibile, infatti, fornisce una soluzione flessibile per i rivenditori che hanno bisogno di offrire contenuti ricchi e coinvolgenti, senza interferire con il back-end del proprio sito ecommerce. Grazie alla separazione tra il lato cliente e il lato tecnico del sito, infatti, il modello headless è in grado di offrire ai merchant un livello di flessibilità senza precedenti ed un’esperienza d’acquisto unica, di fondamentale importanza nel mercato odierno.

L’importanza delle spedizioni

Oggi il pubblico si aspetta di ricevere a casa la propria consegna in un giorno o due al massimo. Nell’ambito del food commerce il ritardo nella consegna è un problema particolarmente sentito, in quanto spesso è collegato anche alla sicurezza del prodotto e, di conseguenza, a tutte le norme che la regolano. Per evitare che i prodotti si deteriorino e possano nuocere al consumatore finale, principalmente nel mercato dei prodotti freschi, si devono rispettare una serie di norme che tutelano l’acquirente da eventuale consegna di prodotti inadeguati a causa delle condizioni del trasporto. Per questo è più essenziale che mai affidarsi ad una piattaforma ecommerce che possa offrire il giusto supporto in tal senso, consentendo integrazioni pronte all’uso e regole di spedizione avanzate, come la gestione del trasporto a carico parziale (LTL), e servizi logistici multi-magazzino di terze parti.

Presidiare il comparto B2B

Il 18% dei merchant in ambito food intervistati da BigCommerce ha dichiarato di voler investire nell’e-commerce B2B. Si tratta di uno dei modi migliori per ampliare il proprio pubblico, ridurre i costi operativi e incrementare le vendite online. Ma la concorrenza è ampia e può essere superata solo utilizzando una soluzione ecommerce adeguata, che possa fornire funzionalità B2B già pronte all’uso, applicazioni di terze parti facili da integrare e la possibilità di vendere sia in ambito B2B che in ambito B2C. Secondo una recente indagine dell’Osservatorio eCommerce B2C Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano, tra gli acquisti di prodotto il Food&Grocery si conferma il comparto più dinamico in Italia (+17% rispetto all’anno precedente).

Questo ulteriore dato mette in luce come il settore del food ecommerce sia in fermento, e che è il momento più adatto per perfezionare la propria offerta e dare al proprio food business l’approccio omnicanale che merita. Secondo Irene Rossetto, Country Director di BigCommerce in Italia, per farlo è necessario affidarsi ad un partner che offra ai food merchant la flessibilità di cui hanno bisogno per presentarsi sul mercato, insieme alla sicurezza, alla manutenzione e al supporto che nel comparto food è ancora più indispensabile. Solo in questo modo i merchant potranno concentrarsi su ciò che conta di più: offrire un’esperienza online unica in grado di deliziare il palato dei propri clienti.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📣 Red Hat Summit 2024: ecco tutti gli annunci e le novità
📰 Le ultime novità tecnologie al Google I/O 2024: fusione tra AI e app di Google
🦺 Cloud? Sì, ma non senza intoppi: i dati di Cloud Security Report 2024
📀 Synology Active Backup: 20 milioni di account al sicuro
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Marzia Ramella

Scrivo di libri, film, tecnologia e cultura. Ho diversi interessi, sono molto curiosa. La mia più grande passione però sono i libri: ho lavorato in biblioteca, poi in diverse case editrici e ora ne scrivo su Orgoglionerd.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button