gen-zOccupazione

LinkedIn: il 53% degli appartenenti al Gen Z teme i pregiudizi dei più anziani sul luogo di lavoro

Nel dinamico panorama lavorativo odierno, la Generazione Z (o Gen Z) sta emergendo con una voce distinta e una crescente consapevolezza del proprio ruolo professionale. Partendo da una recente indagine di LinkedIn, andremo ad esplorare proprio il rapporto dei giovani della Gen Z con il mondo del lavoro.

La voce della Gen Z sul luogo di lavoro

I giovani lavoratori under 26 stanno gradualmente trovando la propria voce, acquisendo consapevolezza della loro posizione nelle aziende. L’indagine condotta da LinkedIn rivela come i giovani professionisti italiani del Gen Z vedano la propria professionalità e come si confrontino con le generazioni più anziane, cercando di identificare punti di convergenza e divergenza che possano arricchire il contesto lavorativo.

Il report ci dice che la Gen Z valorizza la collaborazione e l’arricchimento reciproco. Circa il 77% dei giovani professionisti italiani riconosce l’importanza delle competenze uniche portate da ogni generazione sul posto di lavoro. Nonostante le differenze evidenziate dai social media e dalla vita reale, una larga maggioranza (78%) crede di avere molto da imparare dai colleghi più esperti e “anziani”. Questa percezione è condivisa anche a livello internazionale, con percentuali simili nei Paesi Bassi, Medio Oriente, Nord Africa e Regno Unito.

In Italia, il 77% sostiene l’importanza di promuovere ambienti di lavoro intergenerazionali, e il 78% ritiene che una comunicazione efficace possa migliorare la produttività e le opportunità di apprendimento, influenzando positivamente il morale dei team.

LinkedIn: la Gen Z si fida dei colleghi più anziani? Non tanto

Chiedere aiuto sul lavoro può essere una sfida, specialmente quando si tratta di rivolgersi a colleghi più anziani. L’indagine mostra che solo il 42% dei lavoratori GenZ si impegna a interagire con generazioni diverse sul posto di lavoro. Quando cercano supporto, il 69% preferisce rivolgersi ai Millennials, seguiti dalla GenX (62%) e dai Baby Boomers (52%).

I giovani in Italia cercano aiuto principalmente per migliorare le hard skills e per definire gli obiettivi professionali, con il 30% che desidera trovare un mentore o uno sponsor.Più della metà degli intervistati (53%) percepisce che i colleghi più anziani abbiano atteggiamenti giudicanti o idee errate sulla GenZ e il lavoro.

In Italia, il 23% si sente a disagio nel chiedere aiuto a professionisti di altre generazioni, principalmente per la preoccupazione di non essere presi sul serio (41%).

Il commento di Marcello Albergoni, Country Manager di LinkedIn

Le idee, le opinioni e in definitiva l’approccio al mondo del lavoro che emerge dall’indagine che abbiamo condotto tra professioniste e professionisti della GenZ è per molti aspetti illuminante: ne emerge una generazione aperta e pronta a cogliere le opportunità di crescita e miglioramento, disponibile a imparare dai colleghi più avanti nel percorso di carriera” commenta Marcello Albergoni, Country Manager di LinkedIn per l’Italia.

Per i leader è importante tener presente che, nonostante la giovane età, i giovanissimi sono il futuro delle aziende. E svolgono un ruolo imprescindibile nella costruzione di una forza lavoro diversificata, i cui membri abbiano competenze e capacità differenti. Per questo penso sia oggi più che mai importante, in termini di talent retention e attraction, creare un ambiente di lavoro intergenerazionale, aperto, e accogliere il bisogno di appartenenza di chi è entrato nel mondo del lavoro durante o subito dopo la pandemia, in circostanze più sfidanti rispetto ai colleghi di altre generazioni”.

Trust Gaming GXT 867 Acira Tastiera Meccanica 60% Layout Italiano QWERTY, Mini Tastiera Retroilluminata RGB, Tasti a Doppia Funzione, USB Tastiera Gaming Programmabile PC Laptop Portatile - Nero
  • UNA MINI-MERAVIGLIA – Con un fattore di forma mini 60%, questa tastiera ultracompatta ti offre tutte le funzionalità di cui hai bisogno... e tanto spazio extra sulla tua scrivania
  • ALL’INSEGNA DEL ROSSO – Il tuo cuore non potrà resistere agli interruttori meccanici Outemu rossi di questa tastiera. Testata fino a 50 milioni di sequenze di tasti, questa tastiera è sempre pronta!
  • COLORE PREFERITO? – Non sai quale colore scegliere? Con 16,8 milioni di opzioni, la retroilluminazione RGB di Acira ti consente di mostrare la tua personalità in ogni colore immaginabile
  • NELLA BOTTE PICCOLA... – Solo perché è piccola non significa che le manchi qualcosa. Goditi la stessa esperienza a grandezza naturale a cui sei abituato in una forma più piccola
  • PERSONALIZZATO – Ottieni il massimo da Acira grazie al software incluso, che ti consente di personalizzare a tuo piacimento l'illuminazione e i tasti. Stiloso, vero?

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📧L'apertura di Netcomm Forum 2024
🔓Verizon Data Breach Investigations Report: la maggior parte degli attacchi sono causati dal fattore umano
🖨️ReadyPrint: tutto quello che c’è da sapere sulle novità del servizio Epson
👨🏻‍💻Oracle rivoluziona il futuro dei Database grazie all'integrazione dell'AI
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
 
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
 
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
 
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
 
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Marco Brunasso

Scrivere è la mia passione, la musica è la mia vita e Liam Gallagher il mio Dio. Per il resto ho 30 anni e sono un musicista, cantante e autore. Qui scrivo principalmente di musica e videogame, ma mi affascina tutto ciò che ha a che fare con la creazione di mondi paralleli. 🌋From Pompei with love.🧡

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button