AziendeCase Study

La sostenibilità è un’opportunità per le aziende, ma il greenwashing è un rischio

La sostenibilità è diventata un tema centrale nel mondo degli affari, sia per rispondere alle esigenze dei consumatori sempre più attenti all’impatto ambientale e sociale delle loro scelte, sia per cogliere le opportunità di innovazione e competitività che derivano da una gestione responsabile delle risorse. Tuttavia, non tutte le aziende che si dichiarano sostenibili lo sono davvero: alcune ricorrono al greenwashing, ovvero alla pratica di comunicare falsamente o esageratamente il proprio impegno in materia di sostenibilità, al fine di migliorare la propria immagine e attrarre clienti e investitori.

Oggi, proprio in occasione della Giornata Mondiale della Terra, vi parliamo dei pericoli per le aziende che, consapevolmente o meno, rischiano di essere bollate con l’infamante titolo di greenwasher.

Cos’è il greenwashing e perchè rappresenta un rischio per le aziende

Il greenwashing è un fenomeno diffuso e in continua crescita, com’è in continua crescita l’attenzione che i consumatori rivolgono all’impatto ambientale. Un fenomeno, quello del greenwashing, che può danneggiare la credibilità e la reputazione delle aziende che lo praticano, oltre che ingannare i consumatori e ostacolare il progresso verso una vera economia circolare. 

Per evitare il greenwashing, è indispensabile che i brand adottino criteri oggettivi e trasparenti per misurare e comunicare il proprio impatto ambientale e sociale, seguendo le linee guida internazionali e i principi di materialità, completezza, accuratezza, equilibrio e chiarezza. Inoltre, devono coinvolgere i propri stakeholder in un dialogo aperto e costruttivo, basato sulla fiducia e sul rispetto reciproco. La fiducia, del resto, è alla base di qualsiasi operazione di marketing.

È bene ricordare che la sostenibilità non è solo un dovere etico, ma anche una fonte di vantaggio competitivo per le aziende. O almeno lo è per quelle che la perseguono con coerenza e autenticità. Le aziende sostenibili possono infatti beneficiare di una maggiore efficienza operativa, di una riduzione dei costi e dei rischi, di una maggiore fidelizzazione dei clienti e dei dipendenti, di un migliore accesso al capitale e ai finanziamenti, e di una maggiore capacità di anticipare e adattarsi ai cambiamenti del mercato e della società.

La sostenibilità è quindi un’opportunità da cogliere con serietà e responsabilità, evitando il greenwashing che ne mina la credibilità e il valore.

BT aiuta le aziende a non cadere nel greenwash

Proprio in questi giorni BT – il principale fornitore di telecomunicazioni fisse e mobili e relativi prodotti, soluzioni e servizi digitali sicuri del Regno Unito – ha presentato una nuova offerta commerciale per aiutare i suoi clienti multinazionali a trasformare le proprie reti in modo sostenibile, puntando a raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette di carbonio e a implementare la circolarità in maniera quantificabile.

“La sostenibilità è diventata un criterio fondamentale per quasi tutti i clienti globali di BT”, fa sapere la società in una nota stampa. Non è di certo una novità: gran parte delle organizzazioni, inclusi i CIO e i team IT, si stanno impegnando per ridurre le loro emissioni di carbonio e per adottare soluzioni virtuose in termini di circolarità. Tuttavia, molti CIO si trovano in difficoltà nel misurare con precisione il consumo energetico e le emissioni di carbonio delle loro reti e risorse digitali distribuite in tutto il mondo, così come nel gestire la dismissione degli apparati.

La nuova offerta di BT in materia di sostenibilità offre ai clienti una soluzione completa e gestita, con strumenti digitali per il calcolo delle emissioni di carbonio dell’azienda. A questo si aggiungono servizi di progettazione di rete, assistenza durante il ciclo di vita e programmi di riciclaggio e riutilizzo con partner strategici. Gli esperti BT si offrono di supportare i clienti in diversi piani di aggiornamento, riprogettazione o trasformazione della rete, sia per le reti locali (LAN) che per l’infrastruttura tecnologica operativa (OT).

Grazie al nuovo Digital Carbon Calculator di BT, i progetti possono essere valutati e ottimizzati in base al loro impatto ambientale potenziale e ai migliori risultati possibili. Il Calculator fornisce ai progettisti le informazioni sul consumo energetico e sulle emissioni di anidride carbonica di ogni dispositivo di rete, consentendo loro di bilanciare prestazioni, consumo energetico, emissioni e costi.

Offerta

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

🎙 Intervista a Giampiero Savorelli Managing Director di HP Italy per A ruota libera
 
👨‍💻Uno sguardo in anteprima a CyberArk Secure Browser
 
👀AI ibrida e aperta la visione di Red Hat
 
🎤La doppia faccia dell'intelligenza artificiale -  Intervista a Umberto Pirovano di Palo Alto Networks
 🎧
 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
 
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
 
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
 
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
 
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Autore

  • Marco Brunasso

    Scrivere è la mia passione, la musica è la mia vita e Liam Gallagher il mio Dio. Per il resto ho 30 anni e sono un musicista, cantante e autore. Qui scrivo principalmente di musica e videogame, ma mi affascina tutto ciò che ha a che fare con la creazione di mondi paralleli. 🌋From Pompei with love.🧡

    Visualizza tutti gli articoli

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button