AziendeNewsSoftware

Equinix: progettato un secondo data center a Barcellona

Un nuovo hub di connettività in crescita nel Mediterraneo

Barcellona sta diventando un hub ogni giorno più strategico per le reti di cavi terrestri e sottomarini che collegano le nostre vite digitali. Equinix, l’azienda di infrastrutture digitali a livello mondiale, sta costruendo il suo secondo data center nella città metropolitana. Il nuovo sito servirà come punto di connessione strategico per gli scambi di dati tra Europa, Africa e Medio Oriente, rendendo rapidamente Barcellona un importante hub sottomarino.

I principali cavi di connessione presenti includono: 2Africa, che collega le principali città costiere dell’intero continente africano e della penisola arabica; il cavo Europa-Medio Oriente-India di Aqua Comms, che connetterà Barcellona a Salalah e Mumbai; Medloop di Sipartech, che collegherà Barcellona ad Ajaccio, Genova e Marsiglia; e il cavo Medusa, che unirà Barcellona a Lisbona e a una serie di importanti città del Mediterraneo, dell’Europa e dell’Africa. Questa rilevante connettività digitale sarà ulteriormente rafforzata dalla piattaforma globale di Equinix, composta da oltre 245 data center, che comprende città chiave del Mediterraneo come Bordeaux, Genova, Lisbona e Milano.

Data center Equinix, un hub di connettività in crescita nel Mediterraneo

Centro di fama mondiale per l’innovazione e le competenze tecniche, Barcellona continua ad attrarre e ospitare importanti organizzazioni internazionali e aziende tecnologiche come Airbnb, Amazon, Google, HP, Microsoft e Ubisoft. La nuova struttura di Equinix, nota come centro dati BA2 International Business Exchange (IBX), sarà adiacente all’attuale sito BA1 dell’azienda, formando un campus e un denso ecosistema digitale. Aggiungerà la necessaria capacità digitale alla città per consentire alle imprese locali di espandersi e crescere, oltre a incoraggiare le imprese internazionali a sbarcare o espandersi sulla piattaforma Equinix di Barcellona, già un hub essenziale e strategicamente posizionato per le comunicazioni internazionali.

Equinix Logo

All’avanguardia in tema di sostenibilità, Barcellona è stata la prima città al mondo a ricevere la certificazione di turismo sostenibile Biosphere. Equinix è stata la prima azienda del settore dei data center a impegnarsi a diventare neutrale dal punto di vista climatico a livello globale entro il 2030, in concomitanza con l’obiettivo a breve termine di riduzione delle emissioni science-based target e allineato allo scenario di 1,5 gradi dell’Accordo di Parigi. L’azienda ha l’obiettivo a lungo termine di utilizzare al 100% energia pulita e rinnovabile per la sua piattaforma globale. BA2 utilizzerà il 100% di energia rinnovabile e sarà progettato con l’obiettivo di ottenere la certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design).

Cresce il settore tecnologia a Barcellona

La tecnologia continua a essere un settore in forte crescita sia a Barcellona che in tutta la Spagna, sostenuto dalle iniziative di digitalizzazione del governo spagnolo. Digital Spain 2026, ad esempio, stabilisce una roadmap per fornire una copertura a banda larga al 100% della popolazione del Paese e promuovere la tecnologia 5G in tutta la nazione. Secondo il Barcelona City Council, l’area conta oggi più di 2.000 aziende tecnologiche, 210 parchi tecnologici, centri e strutture di ricerca e nove strutture internazionali come il Barcelona Supercomputing Centre.

La regione della Catalogna da sola rappresenta un quarto di tutte le aziende IT in Spagna e genera il 20% del fatturato nazionale nel settore tecnologico, rendendo i collegamenti a Barcellona da tutta Europa un motore di successo essenziale per le imprese internazionali. I siti Equinix di Barcellona consentono ai clienti di far parte di un ecosistema digitale altamente connesso. Ospitando oltre 45 carrier di rete, queste ampie strutture forniscono connettività alla rete internet regionale CATNIX e a Equinix Internet Exchange. I clienti possono sfruttare i servizi digitali di Equinix per creare infrastrutture digitali in modo sicuro e rapido alla velocità del software con servizi di rete automatizzati bare metal e virtuali per connettersi e consumare la rete su richiesta.

Offerta
Introduzione ai media digitali
  • Editore: Il Mulino
  • Autore: Adam Arvidsson , Alessandro Delfanti
  • Collana: Itinerari
  • Formato: Libro in brossura
  • Anno: 2016

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📣 Red Hat Summit 2024: ecco tutti gli annunci e le novità
📰 Le ultime novità tecnologie al Google I/O 2024: fusione tra AI e app di Google
🦺 Cloud? Sì, ma non senza intoppi: i dati di Cloud Security Report 2024
📀 Synology Active Backup: 20 milioni di account al sicuro
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Marzia Ramella

Scrivo di libri, film, tecnologia e cultura. Ho diversi interessi, sono molto curiosa. La mia più grande passione però sono i libri: ho lavorato in biblioteca, poi in diverse case editrici e ora ne scrivo su Orgoglionerd.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button