Aziende

Tre consigli per far tornare Gen Z e Millenials nei punti vendita

I giovani preferiscono lo shopping online, ma con qualche revisione si possono attirare ancora clienti negli store fisici

Secondo l’ultima indagine italiana di Klarna emerge che la shopping experience online e quella fisica sono sempre più interconnesse. Infatti, i consumatori tendono a informarsi sul web, prima di recarsi nei punti vendita. In Italia, è un’abitudine che si sta consolidando per oltre 8 utenti su 10, soprattutto tra Gen Z e Millennials (entrambi al 90%).
Il punto vendita, a volte viene utilizzato solo come punto di ritiro, oppure non viene vissuto a dovere dai consumatori e nemmeno sfruttato al meglio dai retailer. Quindi, come attirare le giovani generazioni nei negozi fisici?

Retailer in cerca di una scintilla

Secondo un recente studio di Scandit, il 51% dei principali retailer europei conferma che lo store fisico del futuro combinerà esperienze on e off-line. La tecnologia aiuterà il raggiungimento di questo obiettivo, con il 41% degli intervistati che afferma di voler migliorare la customer experience. Quest’esigenza è ancora più forte tra i fashion brand.

Scandit ha dunque deciso di condividere tre consigli per rendere l’esperienza dello store fisico più invitante per Gen Z e Millenials.

Snellire gli acquisti nei punti vendita

Le lunghe code alle casse sono uno dei motivi principali per cui le nuove generazioni evitano di fare acquisti in presenza. Per ridurre questi ostacoli e consentire ai consumatori di essere più autonomi e flessibili nei loro acquisti, i retailer possono affidarsi a metodi di pagamento alternativi in-store. Questo fornirebbe ai dipendenti del punto vendita delle soluzioni intelligenti per l’acquisizione dei dati su smartphone, accelerando così le operazioni di checkout. Invece, i consumatori, saranno in grado di scansionare i prodotti scelti direttamente sul proprio smartphone e di pagare presso le casse self-service o via cellulare.
Offrire maggiore autonomia ai clienti è un imperativo per attirare i più giovani, molti dei quali desiderano evitare le file e la calca di gente. Questo approccio dà la possibilità di gestire l’interazione con il personale in loco. Il che è un grande vantaggio per le persone che preferiscono non essere disturbate durante lo shopping.

Equipaggiare la forza vendita

La scarsa presenza e pertinenza dei consigli durante lo shopping in-store sembra essere un altro grande motivo di frustrazione. Ma come si può far fronte questa situazione, soprattutto nei punti vendita con un gran numero di articoli? È impossibile conoscere tutti i codici presenti e sapere in ogni momento l’esatta composizione di un prodotto, i colori o le taglie in cui è disponibile.
Per aiutare la forza vendita è indispensabile adottare tecnologie operative che possano facilitare le loro mansioni, così che possa guadagnare tempo prezioso da utilizzare per il customer care o per la formazione. Gli smartphone abilitati a soluzioni di smart data capture consentono al personale di scansionare uno scaffale per trovare, ad esempio, il prodotto desiderato dal cliente. Possono disporre di maggiori informazioni sui prodotti offerti per trovare la perfetta corrispondenza tra le esigenze del cliente e i prodotti disponibili.

Esperienze interattive

I consumatori sono alla ricerca di esperienze, quindi gli store fisici e i customer journey devono essere rispondere a questa esigenza. Le possibilità sono infinite, ma l’implementazione può essere costosa e noiosa. La realtà aumentata rappresenta una soluzione alternativa ideale per offrire ai clienti una shopping experience digitale innovativa. Oltre a fornire un’esperienza educativa, l’obiettivo principale di questo servizio è dare più potere e libertà ai consumatori.
Attraverso un’app mobile, i consumatori potranno scansionare gli scaffali direttamente dal proprio smartphone per ottenere consigli d’acquisto, promozioni e recensioni. I retailer potranno anche implementare attivazioni basate su eventi, come una caccia al tesoro in realtà aumentata o l’introduzione di “biglietti d’oro” da trovare nello store.

“Le abitudini di acquisto della Gen Z e dei Millenials sono decisamente diverse rispetto a quelle dei loro predecessori. Per essere certi di soddisfare queste nuove aspettative e abitudini di acquisto, i retailer e i brand devono essere in grado di riunire il ‘meglio dei due mondi’, miscelando i punti di forza della web experience con quelli in store. In questi termini, grazie a una soluzione di smart data capture utilizzabile in negozio attraverso uno smartphone, si possono ottenere informazioni su un prodotto in tempo reale, un maggior engagement della forza vendita e dei consumatori. Il processo d’acquisto in-store diventa anche molto più veloce e snello.” Ha dichiarato Maurizio Costa, Key Account Manager Italy di Scandit.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📣 Red Hat Summit 2024: ecco tutti gli annunci e le novità
📰 Le ultime novità tecnologie al Google I/O 2024: fusione tra AI e app di Google
🦺 Cloud? Sì, ma non senza intoppi: i dati di Cloud Security Report 2024
📀 Synology Active Backup: 20 milioni di account al sicuro
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Martina Ferri

Sono laureata in filosofia, gattara, vegetariana e vesto sempre di nero. Ora che vi ho elencato i motivi per cui potrei sembrare noiosa, posso dirvi che amo la musica, i libri, la fotografia, la pizza, accamparmi in tenda vicino al main stage di qualche festival! Che dite, ho recuperato?

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button