NewsScenario

Come cambierà la sanità nel 2023? Ecco le tendenze della Digital Health

Dal Metaverse all’Internet of Healthcare Thing, tutte le tecnologie per una sanità più sostenibile, e accessibile

MioDottore, piattaforma leader in Italia e nel mondo specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo DocPlanner, ha identificato i 5 trend che caratterizzeranno la Digital Health nel 2023. Nel corso dell’anno appena trascorso si sono delineati gli effetti a lungo termine della pandemia. La digitalizzazione è emersa come il fenomeno che più ha rivoluzionato la quotidianità di cittadini, imprese, Stati e anche della sanità.

L’healthcare non è infatti sfuggita a queste dinamiche ma la spinta verso l’adozione tecnologica ha sia mostrato un insufficiente grado di maturità digitale del settore, sia reso palese come l’innovazione possa offrire ai Sistemi Sanitari una diretta e rapida applicazione, offrendo benefici significativi per l’erogazione delle prestazioni mediche e per il miglioramento dello stato di salute della popolazione, allo stesso tempo riducendo i costi e contenendo gli investimenti richiesti all’ecosistema sanitario nel suo complesso.

MioDottore fa parte del Gruppo DocPlanner ed è il leader al mondo dedicata alla sanità privata che connette i pazienti con medici specialisti, medici di medicina generale, centri medici e ospedali come IRCCS Humanitas, IEO, Istituto Auxologico Italiano, Ospedale San Raffaele, Ospedale Israelitico, Gruppo Mantova Salus e Gruppo GVM. Il Gruppo DocPlanner attualmente serve 80 milioni di pazienti e gestisce 7,5 milioni di prenotazioni ogni mese. Conta oltre 2 milioni di professionisti e circa 10 milioni di recensioni sui suoi siti in 13 paesi.

Le 5 tendenze della Digital Health secondo MioDottore

Secondo Luca Puccioni, CEO di MioDottore, il Sistema Sanitario italiano è sotto pressione. Questo perché la domanda crescente di salute, spinta da un generale invecchiamento demografico, si scontra con budget limitati ed elevate difficoltà di accesso alle cure. Negli ultimi 10 anni, sono stati chiusi 111 ospedali e si stima una carenza di almeno 20mila medici. Questo ha portato ad un drammatico allungamento delle liste d’attesa. La Digital Health deve quindi assumere un ruolo centrale, in quanto abilitatore di una sanità più sostenibile, accessibile e focalizzata sui nuovi bisogni di medici e pazienti. Ecco dunque le 5 tendenze della Digital Health nel 2023.

Metaverse, quando le cure mediche diventano phygital

Anche la sanità non resterà fuori dalla rivoluzione del Metaverso: le attuali applicazioni dell’Intelligenza Artificiale e gli emergenti interventi di chirurgia in Realtà Aumentata sono un primo passo verso l’ingresso della medicina nei luoghi virtuali. Con il Metaverse si apre una nuova frontiera, potenzialmente in grado di rispondere al crescente bisogno di un’assistenza sanitaria personalizzata e di prossimità. Gli ecosistemi immersivi possono far parte di un percorso di cura integrato, che combina il digitale (e-Care) con il fisico (presence-Care) per offrire un supporto a 360° al paziente.

Miodottore Logo

Non solo, l’erogazione di servizi sanitari in spazi virtuali può fornire la possibilità di accedere a prestazioni erogate da strutture fisicamente distanti dall’assistito, abbattendo le barriere territoriali e aprendo a nuove possibilità di cura. Ad oggi, un primo esempio tutto italiano è il Metaospedale, che permette al paziente di consultare la sua situazione clinica, effettuare consulenze con il supporto di un visore e di ricevere visite virtuali da parenti e amici. Dagli interventi chirurgici sempre meno invasivi ai percorsi riabilitativi più coinvolgenti, passando per il supporto psicologico in setting personalizzati, le applicazioni del Metaverso nel campo della sanità possono essere molteplici.

Organi su chip per accelerare lo sviluppo dei farmaci

La pandemia di Covid-19 ha ribadito la necessità di accorciare i tempi della ricerca e dell’approvazione di nuove terapie, senza togliere il focus sul bisogno di garantire sicurezza ed efficacia dei farmaci. Ad oggi, lo sviluppo di un nuovo medicinale richiede la sperimentazione in vitro e su modelli animali, con grandi quantità di tempo e di denaro. Una soluzione, ancora esordiente, è l’uso di micro-dispositivi progettati per ricreare la fisiologia umana e le malattie. Tali strumenti, chiamati organi su chip, permettono di studiare e riprodurre ciò che accade nell’organismo umano, superando i limiti dei modelli cellulari in 2D.

Questa tecnologia consente il controllo dell’ambiente cellulare, lo studio dei meccanismi patologici e tumorali, l’analisi delle risposte a farmaci e molto altro. Guardando al futuro, la ricerca scientifica si muove verso un sistema multisensoriale, capace di mettere in collegamento diversi organi per creare un modello che imiti l’intero corpo umano, studiando le interazioni tra gli organi e le risposte sistemiche ai farmaci. Sebbene la strada da compiere sia ancora lunga, soprattutto a livello regolamentare, gli organi su chip propongono un nuovo iter per l’approvazione di un trattamento, superando il dilemma della sperimentazione sugli animali e avviano un percorso a vantaggio dei pazienti.

Dall’Internet of Healthcare Thing (IOHT) agli ospedali virtuali

Nel settore della Digital Health, l’Internet of Things (IT) ha grandi potenzialità di applicazione e offre la possibilità di creare un ambiente favorevole al monitoraggio della salute e della sicurezza del paziente. Le tecnologie smart e lo sviluppo di oggetti intelligenti applicati al settore sanitario hanno avuto un’accelerazione particolare in tempi recenti: biosensori, smartwatch, inalatori hi-tech, sono strumenti che oggi rendono possibile tenere sotto controllo le condizioni del paziente da remoto.

Come diretta evoluzione, in un prossimo futuro sarà possibile assistere alla creazione dei cosiddetti Hospitals without walls, ospedali virtuali che offrono assistenza direttamente in casa al paziente. Alcuni esempi sono nati come risposta al Covid-19: a Sydney, ad esempio, è stato inaugurato il primo ospedale virtuale che ha permesso la presa in carico di pazienti positivi al virus tramite l’utilizzo di chip per la misurazione da remoto dei livelli di ossigeno e della temperatura, con ricadute positive sull’efficacia delle cure stesse.

Blockchain per cartelle cliniche elettroniche più sicure e interoperabili

I dati sanitari possono essere gestiti in modo sicuro, trasparente e a prova di manipolazioni utilizzando la blockchain. Tale tecnologia si basa su una rete di singoli computer, detti nodi, che rendono disponibili in tempo reale i dati e permettono a ospedali e cliniche l’archiviazione su una rete distribuita anziché su un singolo server. Ciò consente di tenere traccia della storia clinica del paziente, monitorare i suoi parametri vitali in tempo reale e trasmettere le informazioni di carattere medico in modo sicuro. Non solo, nel settore sanitario, la tecnologia blockchain può potenzialmente contribuire all’interoperabilità del dato ed essere il presupposto per potenziare il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE).

I fondi messi a disposizione dal PNRR e la Conferenza Stato-Regioni del 2022 hanno fissato al 2026 la data ultima per una omogenea applicazione del FSE su tutto il territorio nazionale, ma è proprio una bassa comunicazione tra gli attuali sistemi informativi a essere il primo deterrente del corretto funzionamento del Fascicolo Sanitario Elettronico. Grazie alla sua capacità di fornire un ambiente uniforme per la trasmissione dei dati sanitari, la blockchain è in grado di fornire una soluzione praticabile a questa sfida.

Verso una vera de-burocratizzazione della sanità

L’uso della prescrizione medica digitale, introdotta durante l’emergenza coronavirus, è stato un tema caldo degli ultimi mesi: senza la recente proroga, il 31 dicembre 2022 avrebbe segnato la fine della possibilità di inviare le ricette mediche via sms o mail. “Questo mostra la grande lacuna nel Paese: l’assenza di un provvedimento ad hoc che renda strutturale l’uso delle ricette dematerializzate e che, in ultima analisi, supporti l’innovazione nella santità e alleggerisca il carico burocratico dei medici” ha affermato Luca Puccioni, CEO di MioDottore.

La de-burocratizzazione del lavoro dei professionisti della salute potrebbe sembrare un’innovazione secondaria rispetto al Metaverse o all’ IOHT. Eppure, prima di digitalizzare a 360° l’aspetto assistenziale, è necessario snellire il lavoro d’ufficio del personale medico, permettendo loro di focalizzarsi sulla cura degli assistiti.” In tale scenario, parole come teleconsulti, ricette digitali e sistemi interoperabili per la gestione dell’office dei professionisti saranno le parole chiave del 2023, in quanto capaci di automatizzare attività a basso valore aggiunto, riconoscere il lavoro intellettuale dei medici e, in ultima analisi, garantire ai pazienti un’assistenza sanitaria più elevata.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📣 Red Hat Summit 2024: ecco tutti gli annunci e le novità
📰 Le ultime novità tecnologie al Google I/O 2024: fusione tra AI e app di Google
🦺 Cloud? Sì, ma non senza intoppi: i dati di Cloud Security Report 2024
📀 Synology Active Backup: 20 milioni di account al sicuro
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Marzia Ramella

Scrivo di libri, film, tecnologia e cultura. Ho diversi interessi, sono molto curiosa. La mia più grande passione però sono i libri: ho lavorato in biblioteca, poi in diverse case editrici e ora ne scrivo su Orgoglionerd.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button