Startup

NDG Group si è aggiudicata un percorso di incubazione con Reti e Entopan Innovation

La startup bolognese vincitrice del BCC Innovation Festival per le sue soluzioni innovative pensate per un’agricoltura più ecosostenibile parteciperà all’importante programma di incubazione

Reti, tra i principali player italiani nel settore dell’IT Consulting, specializzata nei servizi di System Integration, ed Entopan Innovation, incubatore, acceleratore e hub di open innovation, uniscono esperienza e competenze per supportare la startup NDG Natural Development Group (NDG Group) nel suo percorso di crescita.

Il percorso di incubazione di NDG Group

La giovane realtà bolognese attiva dal 2017 nel settore dell’Agritech è tra le vincitrici del BCC Innovation Festival. Iniziativa lanciata per individuare idee che portino allo sviluppo di imprese innovative. Per questo la startup parteciperà al percorso di incubazione di Entopan Innovation e Reti, che lavoreranno sinergicamente per favorire una nuova fase di sviluppo di NDG Group.

In quest’ottica Entopan Innovation prevede per la startup un percorso di incubazione della durata di 3 mesi con servizi di coaching, mentoring, education e networking finalizzati alla validazione della strategia d’impresa e del go to market. Il percorso sarà improntato alla metodologia SCRUM. Vedrà la costante supervisione di un mentor che monitorerà l’avanzamento delle attività di incubazione.
Reti si integrerà al percorso avviato da Entopan Innovation concentrandosi sullo sviluppo tecnologico. Infatti, procederà nell’affiancamento di NDG Group lavorando ad un percorso di ottimizzazione ed efficientamento dei propri processi digitali.

Agricoltura sostenibile

L’obiettivo della collaborazione sarà volto alla creazione di un valore aggiunto sostenibile e di lungo termine, in grado di seguire la startup durante il proprio processo di crescita. Alla fine del percorso, inoltre, NDG Group sarà presentata a potenziali investitori e partner.

NDG Group lavora per accelerare lo sviluppo di un’agricoltura sostenibile e rispondente alle nuove normative vigenti incentrate sul rispetto dell’ambiente e della salute. La startup nasce da un’intuizione del suo fondatore, Gianluca Manfredini, che ha colto tutte le potenzialità dell’idrossiapatite, un minerale organico naturalmente presente all’interno delle ossa e già sfruttato in campo medicale, e le ha adattate alle necessità dell’agricoltura. Studi e ricerche condotte grazie alla collaborazione con i laboratori collegati alle più affermate Università Italiane e Europee hanno portato alla nascita di Microsap. Una sospensione acquosa di idrossiapatite carbonatata, applicabile sulla pianta e capace di portare nutrimento.

Da non perdere questa settimana su Techbusiness

📣 Red Hat Summit 2024: ecco tutti gli annunci e le novità
📰 Le ultime novità tecnologie al Google I/O 2024: fusione tra AI e app di Google
🦺 Cloud? Sì, ma non senza intoppi: i dati di Cloud Security Report 2024
📀 Synology Active Backup: 20 milioni di account al sicuro
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Martina Ferri

Sono laureata in filosofia, gattara, vegetariana e vesto sempre di nero. Ora che vi ho elencato i motivi per cui potrei sembrare noiosa, posso dirvi che amo la musica, i libri, la fotografia, la pizza, accamparmi in tenda vicino al main stage di qualche festival! Che dite, ho recuperato?

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button