FeaturedScenario

I Virtual Showroom di Velvet Media per la rinascita degli espositori

Oggi esploriamo la soluzione virtuale degli spazi espositivi e delle fiere firmata Velvet Media

È innegabile che il settore del retail, degli espositori, degli eventi e delle fiere sia stato duramente colpito dalla pandemia. Da subito si è pensato a un’alternativa digitale per ognuna di queste occasioni, ma non tutte l’esperienze possono essere riportate con la stessa intensità della loro controparte reale. Per sopperire alla mancanza di soluzioni per quest’ultima categoria, Velvet Media ha sviluppato le Virtual Showroom, una soluzione virtuale semplice e immersiva. Per farcela spiegare ne abbiamo parlato con Andrea Zaniolo, ideatore e responsabile del progetto, e di seguito potete trovare quanto emerso dalla nostra conversazione.

Gli immersivi Virtual Showroom di Velvet Media

La possibilità di mostrare in maniera efficace i proprio prodotti online non è un settore che si esaurirà con la crisi sanitaria, la cui fine è comunque ancora lontana. Per farlo, è necessario sfruttare a dovere la tecnologia al momento disponibile.

Le soluzioni disponibili sono molte, ma non è possibile concepire un prodotto di questo tipo limitandosi ad unirle assieme. È necessario piuttosto un approccio graduale, che parta dal basso, garantendo un’esperienza completa anche con mezzi limitati, e poi allargando. Per questo le Virtual Showroom di Velvet Media si possono navigare anche solo con un computer, un tablet e uno smartphone, senza bisogno per forza di un visore, comunque utilizzabile per esaltare ancora di più l’esperienza.

Un’esperienza per il cliente

La navigazione e l’esplorazione degli ambienti sono totalmente intuitive, ricordando in parte quanto presente sul popolare StreetView di Google Maps. Ci si può quindi spostare negli ambienti con un tocco, le freccette o un click, interagendo poi con i vari oggetti presenti. L’interazione, guidata da suggerimenti visivi, può risultare nell’apparizione di un testo, una galleria, un video o qualcosa di ancora più interattivo. Nel caso delle sedie di design di Infiniti, ad esempio, direttamente dalla finestra contestuale è possibile esplorare tutte le combinazioni di colore e materiale, potendo poi addirittura completare l’ordine di acquisto direttamente da dentro l’interfaccia.

Virtual Showroom Velvet Media sedie infinitiL’interattività non è limitata solo alla versione unidirezionale utente-ambiente. Gli espositori hanno infatti l’opportunità di interagire a loro volta con il cliente, organizzando incontri e presentazioni in spazi dedicati o mettendo a disposizione esperti e operatori, rappresentati da avatar interattivi. Il contatto può essere in tempo reale, con ad esempio chat o videochiamata, o asincrono, con un contatto email o attraverso un altro servizio di notifica.

In futuro, oltre all’esperienza video e audio, l’esposizione potrà essere arricchita da altri elementi. Per la prova dei prodotti, si può sfruttare la tecnologia AR associata alla fotocamera del proprio telefono. La sua efficacia è purtroppo ancora limitata più ad oggetti rigidi come scarpe e borse, ma comunque è disponibile. La stessa tecnologia può essere sfruttata per prendere misure e taglie, anche se nessuna azienda ha ancora sfruttato questa possibilità.

Guardando ancora più in là, tra sei, massimo dieci mesi potremmo vedere un’altra tecnologia estremamente futuristica: la simulazione delle sensazioni tattili. I dispositivi in questo senso sono ancora in una fase primordiale, ma è praticamente certo che prima o poi troveranno una loro diffusione.

I vantaggi per le aziende

L’ambiente può essere costruito basandosi su fotografie del retail fisico, ma non si è assolutamente limitati da questa possibilità, anzi. Per sfruttare al massimo le potenzialità della piattaforma si può piuttosto creare un ambiente virtuale totalmente fittizio, che però rispecchi in ogni dettaglio l’atmosfera e la percezione del brand. Un ambiente virtuale permette anche di rendere dinamica la propria esposizione, potendo cambiare a piacimento i prodotti presenti e la loro disposizione.

 

Virtual Showroom Velvet Media interno 1

 

I vantaggi di un ambiente virtuale non finiscono ovviamente qui: i costi di esposizione, rispetto a un vero spazio retail, sono decisamente inferiori, soprattutto nel caso di costruzioni ingombranti e customizzate. Ne sono un esempio i macchinari di Mechanical, creati su misura per ogni clienti e difficilissimi da trasportare ed esporre in contesti fisici, che nella dimensione virtuale trovano invece tutto lo spazio e la versatilità di cui hanno bisogno.

I vantaggi sono poi amplificati in un contesto fieristico, dove la piattaforma è venduta alle fiere come prodotto commerciale. Quest’ultime possono infatti vendere gli spazi espositivi alle aziende ad un costo proporzionale alle dimensioni, proprio come nel caso di eventi reali. Per le aziende rimangono i vantaggi sopracitati, con la possibilità di personalizzare il proprio booth in ogni suo aspetto e contenuto, fatta eccezione per le dimensioni.

Per vedere in prima persona alcuni esempi di spazi virtuali vi rimandiamo al sito ufficiale con le Virtual Showroom di Velvet Media.

Bestseller No. 1
Oculus Quest 2, visore VR all-in-one, da 64 GB
  • HARDWARE DI NUOVA GENERAZIONE: Goditi ogni movimento con un processore ultrarapido e il nostro display con la risoluzione più alta.
  • GAMING ALL-IN-ONE: Spara, sferza colpi e segui il ritmo grazie ai titoli dell’immensa libreria di giochi ed esperienze di Oculus Quest.
  • INTRATTENIMENTO IMMERSIVO: Goditi un posto in prima fila per concerti dal vivo, film rivoluzionari, eventi esclusivi e molto altro.
  • CONFIGURAZIONE SEMPLICE: Apri la confezione, configura il visore con l’app per smartphone e tuffati nella VR. Non occorre un PC o una console.
  • CONTROLLI DEFINITIVI :I controller Oculus Touch riprogettati portano i movimenti direttamente in VR grazie ai comandi intuitivi.
Bestseller No. 2
Oculus Quest 2, visore VR all-in-one, da 256 GB
  • HARDWARE DI NUOVA GENERAZIONE: Goditi ogni movimento con un processore ultrarapido e il nostro display con la risoluzione più alta.
  • GAMING ALL-IN-ONE: Spara, sferza colpi e segui il ritmo grazie ai titoli dell’immensa libreria di giochi ed esperienze di Oculus Quest.
  • INTRATTENIMENTO IMMERSIVO: Goditi un posto in prima fila per concerti dal vivo, film rivoluzionari, eventi esclusivi e molto altro.
  • CONFIGURAZIONE SEMPLICE: Apri la confezione, configura il visore con l’app per smartphone e tuffati nella VR. Non occorre un PC o una console.
  • Quest 2 richiede l'accesso tramite account Facebook, dandoti la possibilità di incontrarti con gli amici in VR e scoprire community in tutto il mondo.

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button