AziendeNews

Verizon verso la vendita di Yahoo e AOL

L'accordo attorno ai 5 miliardi di dollari, rispetto ai 9 pagati da Verizon

Il gigante americano delle telecomunicazioni Verizon ha accettato la vendita di Yahoo e AOL ad Apollo Global Management. La società di investimenti paga 5 miliardi di dollari, poco più della metà di quando Verizon aveva pagato per le due sussidiare (circa 9 miliardi di dollari). Verizon mantiene però una quota del 10% della compagnia, che ora si chiama nel suo complesso Yahoo e sarà gestita dal CEO Guru Gowrappan.

Verizon accetta la vendita di Yahoo e AOL

Apollo Global Management è una società di private equity, specializzata nel rivelare società in difficolta per rivendere con profitto. Tra le altre proprietà possiedono il casino Venetian a Las Vegas. Uno dei partner della società, Reed Rayman, ha commentato: “Non vediamo l’ora di aiutare a sbloccare l’enorme potenziale di Yahoo e della sua collezione senza rivali di brand. Abbiamo un enorme rispetto e ammirazione per il grande lavoro e progresso che l’intera organizzazione ha avuto durante gli anni e non vediamo l’ora di lavorare con Guru, il suo talentuoso team e i nostri partner a Verizon per accelerare la crescita di Yahoo verso il nuovo capitolo.

Verizon aveva originariamente pagato 4,5 miliardi di dollari per AOL e 4,5 per Yahoo, due anni dopo. La divisione mediatica di Verizon, che include anche Yahoo Sports, TechCrunch e Engadget sono poi state consolidate con il nome di Oath, poi rinominato Verizon Media Group nel 2018.

aol yahoo verizon vendita-min

Un’altra cessione eccellente

Nel 2019, Verizon vendette Tumblr, la piattaforma di microblogging che all’inizio del decennio scorso faceva molto parlare di sé. Yahoo l’aveva comprata per 1,1 miliardi di dollari, mentre sembra che Verizon l’abbia venduta per meno di 3 milioni (nessuna somma ufficiale rivelata).

L’anno scorso ha venduto Huffpost a Buzzfeed per 119 milioni, dopo che AOL l’aveva comprato per 315 milioni di dollari nel 2011. Quella di oggi segna un’ulteriore cessione eccellente, per una frazione del prezzo originariamente pagato.

I tempi in cui AOL aveva una capitolazione da 200 miliardi e Yahoo da 125 miliardi di dollari sono lontani. Resteremo a vedere se il cambio di proprietà può ridare slancio a queste due storiche realtà di internet.

OffertaBestseller No. 1
Apple MacBook Air con Chip Apple M1 (13", 8GB RAM, 256GB SSD) - Grigio siderale (novembre 2020)
  • Chip M1 progettato da Apple, per un nuovo livello di performance della CPU, della GPU e del machine learning
  • Autonomia senza precedenti, con una batteria che dura fino a 18 ore
  • CPU 8‐core fino a 3,5 volte più rapida, per gestire i progetti a velocità mai viste
  • GPU fino a 8‐core, per una grafica fino a 5 volte più veloce nelle app e nei giochi più complessi
  • Neural Engine 16‐core, per un apprendimento automatico evoluto
Source
The Verge

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button