News

Le soluzioni sostenibili emerse dalla Huawei Innovation Week

Huawei punta a una rete veloce, ma green con fonti di energia rinnovabili e zero dispersione energetica

Questa settimana si è tenuta la Win-Win: Huawei Innovation Week. Un evento che ha visto susseguirsi speaker e esperti che hanno messo in luce i nuovi obiettivi del brand per il futuro. Ovviamente, uno dei focus di Huawei è la sostenibilità: nuove materie, sistemi più efficienti, meno dispersione di energia e tanta ricerca per migliorare i prodotti.

Cosa è emerso dalla Huawei Innovation Week?

Ad inaugurare la giornata, Philip Song, Chief Marketing Officer di Carrier BG di Huawei, che ha lanciato una nuova suite di soluzioni di sviluppo ecologico. Nel suo intervento dal titolo “Green Development, Building Energy-efficient ICT Infrastructure”, ha spiegato che lo scopo è aiutare gli operatori a migliorare sistematicamente l’efficienza energetica della rete. L’obiettivo principale del lancio è costruire reti verdi che riescano a coniugare la crescita del traffico e la riduzione delle emissioni di carbonio.

L’innovazione tecnologica secondo Huawei

Una delle migliorie a cui punta Huawei è l’efficienza energetica delle apparecchiature e l’utilizzo di energia rinnovabile. È necessaria anche una rete ottica, semplificata ed intelligente. Certo, servono anche indicatori di efficienza energetica e le linee di base dovrebbero essere resi più visibili, gestibili e ottimizzabili.

Lo sviluppo verde di Huawei

L’innovazione di Huawei inizia dal sito. Utilizzando materiali innovativi, il modulo di alimentazione blade leader del settore supporta 2G, 3G, 4G e 5G all’interno di un unico sito. La soluzione leader One Blade One Site offre il 97% di efficienza energetica del sito (SEE). Inoltre, l’esclusiva tecnologia di alimentazione a iniezione diretta del segnale (SDIF) dell’azienda è in grado di realizzare perdite zero con zero cavi all’interno di antenne multibanda, aumentando l’efficienza energetica delle telecomunicazioni (TEE) delle apparecchiature.

Soluzioni come l’ottimizzazione dell’accumulo fotovoltaico basata sull’intelligenza artificiale di Huawei e l’ombreggiatura iPV per la riduzione delle perdite vengono utilizzate per massimizzare l’efficienza dell’utilizzo dell’energia rinnovabile.

Huawei Innovation Week e la connettività green

Huawei punta alla connettività completamente ottica, aggiornando l’intera rete dalla commutazione elettrica. La sostituzione del rame con la fibra migliora l’efficienza energetica. Ma ci si concentra anche sulla semplificazione. La capacità di elaborazione multiservizio dei router Huawei consente alla soluzione di integrare quattro unità di apparecchiature in una. Con la modernizzazione dell’SDH, si riducono significativamente la quantità di spazio necessario per la sala apparecchiature e migliorando l’efficienza energetica della rete (NEE).

L’ambiente e la tecnologia

Oltre che alle soluzioni tech dell’azienda, la Huawei Innovation Week ha affrontato in generale il tema della crisi energetica attuale. Il consumo globale di risorse è in continuo aumento ed è necessario trovare soluzioni alternative per non incorrere in gravi problemi ambientali. Si è parlato dell’economia cinese, seconda al mondo per volume di consumi. L’ambiente deve essere più accessibile e per fare fronte a questa enorme quantità di produzione. Si è sottolineata l’esigenza di soluzioni che favoriscano la crescita e, al tempo stesso, salvaguardino il pianeta.

L’energia deve essere di qualità, ma a costi bassi e green, questa è la priorità per Huawei. Lavorare con la comunità internazionale per migliorare il dispendio e la produzione di energia, concentrandosi però sullo sviluppo del capitale umano a livello globale. A questo serve la tecnologia secondo Huawei.

Martina Ferri

Sono laureata in filosofia, gattara, vegetariana e vesto sempre di nero. Ora che vi ho elencato i motivi per cui potrei sembrare noiosa, posso dirvi che amo la musica, i libri, la fotografia, la pizza, accamparmi in tenda vicino al main stage di qualche festival! Che dite, ho recuperato?

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button