LeaderNewsScenarioServizi

Oracle sostiene i suoi clienti con le applicazioni cloud per la supply chain

Ecco le novità in arrivo per Oracle Cloud SCM

In occasione dell’incontro “Build the Future of Business with Oracle Cloud Applications“, Oracle ha delineato le strategie presenti e future con cui la sua offerta di applicazioni cloud è in grado di sostenere i clienti dell’azienda. In particolare, sono stati forniti nuovi dettagli riguardanti l’offerta Oracle Fusion Cloud Supply Chain & Manufactoring (Oracle Cloud SCM).

Oracle sostiene i suoi clienti con le applicazioni cloud per la supply chain

Gli ultimi dodici mesi sono stati probabilmente tra i più difficili di sempre per la supply chain, per la catena di distribuzione globale. Questo ha evidenziato l’importanza di reinventarsi, di rinnovarsi e di evolversi.

Per questo l’offerta di Oracle Cloud SCM, già dotata di una base solida e di una tabella di aggiornamenti regolari, è stata ulteriormente espansa e rinnovata in diversi aspetti. Le varie novità presentate permettono di semplificare molto il processo di ordinazione attraverso i vari canali, in modo da assicurare la consegna rapida di prodotti e servizi.

Gli strumenti per la programmazione

  • Nuova programmazione della produzione: un nuovo sistema di programmazione che permette di massimizzazione il throughput di fabbrica e l’utilizzazione delle risorse per le produzioni discrete. Include anche analytics in tempo reale per monitorare le performance della programmazione e sincronizzazione sempre in tempo reale con Oracle Manufacturing.
  • Nuove capacità di gestione degli ordini, che si traducono in un miglioramento della produttività e della esperienza utente per gli utilizzatori di Oracle Order Management. Questo è reso possibile dalla possibilità di mettere in background i processi di ordine, con anche il supporto a pagamenti veloci e sicuri, in modo da poter fare nel frattempo altre cose.
  • Nuove capacità di approvvigionamento: razionalizzazione e semplificazione dei processi di approvvigionamento, che vanno dal pre-bidding alle informazioni di contratto più affidabili all’espansione delle capacità di ordinazione espanse.
  • Servizi per la gestione dei lotti: è ora possibile dividere i lotti in unità più piccole o unirli in lotti più grandi e spostare le unità in nuovi lotti.
  • Nuove capacità di monitoraggio: le nuove capacità di Oracle IoT Asset Monitoring e IoT Production Monitoring permettono di tenere sotto controllo le caratteristiche delle proprie risorse, con una visione completa della propria produzione.

Consegna e logistica

  • Nuove capacità di Machine Learning per Oracle Transportation Management (OTM), utili per predire al meglio il tempo di transito, ridurre i costi associati ai ritardi non pianificati e migliorare l’efficienza della logistica.
  • Nuove capacità di Machine Learning per Oracle IoT Fleet Monitoring: migliora l’accuratezza e la riduzione dei costi applicando il machine learning ai dati OTM, in modo da determinare insight e predizioni sul tempo di transito. In più, i guidatori possono usare l’app Oracle IoT Fleet Monitoring per completare la loro consegna.
  • Connessione IoT della logistica: integrazione integrata tra OTM e le app Oracle IoT Intelligent Apps per permettere ai clienti di ridurre i costi e razionalizzare le consegne tramite il monitoraggio IoT del materiale. Anche le condizioni del trasporto e dell’inventario possono essere monitorate.
  • Qualifica dei beni per accordi commerciali: supporto dei clienti nella qualificazione dei beni confrontandoli con gli accordi di commercio globale.

Innovazione continua per Oracle Cloud SCM

L’ultima novità riguarda l’innovazione continua, ottenuta attraverso la gestione del ciclo di vita del prodotto (Product Lifecycle Management, PLM). Le funzionalità di Oracle PLM permettono di razionalizzare i processi di sviluppo e gestione di prodotti e servizi. Ad esempio, è inclusa un miglioramento della storia di tracciamento e di gestione delle approvazioni, analytics migliorate e report per revisioni e cataloghi prodotto in attesa, un’imposizione della sicurezza e una configurazione dinamiche.

Maggiori informazioni riguardanti questo aggiornamento disponibili sul sito ufficiale di Oracle.

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button