NewsScenarioStartup

Approvata la nuova agenda europea per l’innovazione

Le nuove tecnologie e le startup deep tech al centro della proposta

La Commissione Europea ha approvato la nuova agenda europea per l’innovazione, che vuole incentivare le startup a elevatissimo contenuto tecnologico (deep tech). Un investimento sulla tecnologia per affrontare le sfide sociali legati a questi ambiti. Ma anche per mettere l’Europa al centro della scena tech mondiale, puntando sull’R&D e il genio imprenditoriale europeo.

La Commissione approva la nuova agenda europea per l’innovazione

La Commissione Europea ha approvato una nuova e ambiziosa agenda che vuole premiare i migliori talenti innovatori del continente. Non solo: vuole metterli in sistema con le aziende e far diventare le imprese europee il centro della tecnologia dei prossimi decenni.

Per farlo servono attività di ricerca e sviluppo pioneristiche e investimenti di capitale ambiziosi. Anche per puntare a una transizione europea verso un’economia green e digitale, binomio ormai imprescindibile. Trovare soluzioni tecnologie per affrontare le minacce informatiche e per gestire i cambiamenti climatici richiede investimenti in diversi ambiti. La stessa Commissione cita: “dalle energie rinnovabili alle agrotecnologie, dall’edilizia alla mobilità e alla salute”. In modo da investire anche in sicurezza alimentare, indipendenza energetica e migliorando la salute.

Margrethe Vestager, Vicepresidente esecutiva per Un’Europa pronta per l’era digitale, ha dichiarato: “Dobbiamo promuovere i nostri ecosistemi dell’innovazione per sviluppare tecnologie antropocentriche. La nuova agenda si basa sul notevole lavoro già svolto negli ultimi anni sull’innovazione e ci aiuterà ad accelerare le transizioni digitale e verde. L’agenda si fonda sulle sfere digitale, fisica e biologica e ci consentirà di affrontare meglio grandi criticità come il superamento della dipendenza dai combustibili fossili o la garanzia dell’approvvigionamento alimentare sicuro e sostenibile.”

nuova agenda europea innovazione startup deep tech-min

Startup, scaleup e innovatori al centro

Mariya Gabriel, Commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani, specifica inoltre che:  “La nuova agenda europea per l’innovazione garantirà che gli innovatori, le start-up, le scale-up, con le loro attività innovative, diventino leader mondiali dell’innovazione.

Un’iniziativa nata dal basso, come spiega Gabriel: “Abbiamo dedicato più di un anno alla consultazione dei portatori di interessi: leader degli ecosistemi dell’innovazione, start-up, unicorni, donne fondatrici, donne del settore del capitale di rischio, università e imprese. Insieme, faremo dell’Europa il grande motore mondiale delle innovazioni e delle start-up ad elevatissimo contenuto tecnologico.”

I principi della nuova agenda europea dell’innovazione

La Commissione ha chiarito quelle che vuole siano i principi che guideranno questa nuova fase di innovazione europea nel testo dell’agenda. L’obiettivo fin da subito è:

  • Migliorare l’accesso ai finanziamenti per le start-up e le scale-up europee. Sia movimentando capitale privato non sfruttate che snellendo le norme finanziarie.
  • Allargare gli spazi di sperimentazione normativa per rendere più semplice la vita agli innovatori.
  • Alimentare le “valli regionali dell’innovazione”, per creare ecosistemi regionali anche nelle zone meno avanzate.
  • Attrarre talenti. Per esempio con la formazione di 1 milione di talenti nell’innovazione ad elevatissimo contenuto tecnologico. Ma anche sostenendo le donne innovatrici, magari anche tramite stock option per i dipendenti delle start-up.
  • Chiarire terminologie, indicatori e serie di dati più chiari a livello normativo. Ma anche sostenendo gli Stati membri nell’elaborazione e nell’esecuzione delle politiche pubbliche.

Per raggiungere questi obiettivi ha stilato 25 azioni specifiche. Che si traducono nel finanziamento delle startup con investitori sia istituzionali che privati. Inoltre vuole investire migliorando le condizioni di quadro, anche con ambiziosi esperimenti normativi.

nuova-agenda-europea-innovazione.jpg

I fondi per l’innovazione

Fondamentale però il supporto economico, aiutando le regioni e gli Stati Membri a destinare almeno 10 miliardi di euro in progetti interregionali di innovazione. E poi aiutando gli Stati nello snellire le normative, chiarire il ruolo di startup e scaleup. Attraendo e facendo restare i giovani talenti, vero motore dell’innovazione.

Queste iniziative si sommano a quelle emergenziali già messe in atto dopo l’invasione russa dell’Ucraina, come l’aver messo 20 milioni di euro per sostenere le start-up ucraine tramite il Consiglio europeo per l’innovazione. Per rispondere ai problemi geopolitici ed economici all’orizzonte serve innovazione e la nuova agenda europea vuole fornire a startup e scaleup deep tech i mezzi per perseguirla.

Trovate maggiori informazioni qui.

OffertaBestseller No. 1
2022 Apple PC Portatile MacBook Air con chip M2: display Liquid Retina 13,6", 8GB di RAM, 256GB di archiviazione​​​​​​​ SSD storage, tastiera retroilluminata; color​​​​​​​ Mezzanotte
  • DESIGN ASSURDAMENTE SOTTILE - Il nuovo MacBook Air è più portatile che mai e pesa solo 1,24 kg. È il notebook ultraversatile per lavorare, giocare e creare come e quando vuoi.
  • CON I SUPERPOTERI DI M2 - Con la nuovissima CPU 8-core, una GPU fino a 10-core e fino a 24GB di memoria unificata, puoi fare di più a tutta velocità.
  • FINO A 18 ORE DI BATTERIA - Grazie alle prestazioni efficienti del chip Apple M2, MacBook Air ti sta dietro giorno e notte.
  • SPETTACOLARE E AMPIO DISPLAY - Il display Liquid Retina da 13,6" ha più di 500 nit di luminosità, ampia gamma cromatica P3 e 1 miliardo di colori per immagini brillanti e dettagli incredibili.
  • VIDEOCAMERA E AUDIO EVOLUTI - Videocamera FaceTime HD a 1080p, tre microfoni in array, sistema audio a quattro altoparlanti con audio spaziale: una gioia per gli occhi e per le orecchie.
Source
Commissione Europea

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button