NewsStartup

La startup romana Cosaporto raccoglie 1,8 milioni di euro per l’internazionalizzazione

La startup italiana attiva nelle consegne di protti premium  Cosaporto  ha raccolto 1,8 milioni di euro che gli serviranno per l’internazionalizzazione dei suoi servizi. Questa quota è arrivata da un un nuovo round di finanziamento. La startup ha già stretto alcune partnership di vendita al dettaglio con brand molto importunate quali eggy Porschen, Unico Gelato, NIO Cocktails e Maison Samadi, con sede a Londra.

Nata nel 2017, Cosaporto è un servizio di consegna a domicilio che trasporta agli utenti merci provenienti da negozi esclusivi e premium di Roma, Milano, Torino, Bologna e Londra. Al momento conta 9 dipendenti più i due fondatori, ovvero Stefano Manili e Alessandro D’angelo. La startup seleziona accuratamente i migliori prodotti in arrivo dai negozi indipendenti, produttori e artigiani di assoluto livello, e li consegna direttamente a casa dell’utente entro poche ore dall’ordine. Il servizio può essere utilizzato per inviare bellissimi regali, o per eventi, 

Il servizio di “raggruppamento” della startup consente la consegna simultanea di merci provenienti da più rivenditori di fascia alta. Cosaporto è inoltre orgogliosa del suo approccio ” green” per la riduzione al minimo dell’impatto ambientale: infatti i corrieri italiani della propria flotta utilizzano solo veicoli elettrici per le consegne.

Cosaporto, la startup italiana che punta all’internazionalizzazione

In Italia il marchio sta lavorando al fianco di brand di vlore, ma anche chef stellati Michelin. L’obiettivo della startup è diventare un nome per le consegne di materiale di valore riconoscibile e rispettato. Oltre e a Londra, Cosaporto prevede anche ampliare i propri servizi a Parigi, che sarà dovrebbe essere la prossima città fuori dall’Italia che va a consolidare l’internazionalizzazionedel brand.

Cosaporto startup internazionalizzazione
Alessandro D’angelo e Stano Manili

Il fondatore e amministratore delegato di Cosaporto, Stefano Manili ha commentato:“Lo scorso anno Cosaporto è andato sempre più rafforzandosi in Italia, con l’azienda che ha visto un aumento degli ordini del 600% anno su anno, insieme a un aumento del 30% della spesa media di ogni cliente. COVID-19 ha significato un completo rimodellamento del mercato delle consegne che ci ha permesso di prosperare davvero e cementare il nostro marchio tra il pubblico. Questo nuovo capitale ci consentirà di rivolgere la nostra attenzione al ramo britannico della nostra attività e iniettare liquidità dove necessario per promuovere la stessa crescita che abbiamo visto in Italia. Non solo stiamo cercando di aumentare la nostra base di clienti, ma di raddoppiare il numero di negozi partner accuratamente selezionati da 35 a 70 a Londra entro la fine dell’anno. Essere supportati da un nuovo investitore con solide credenziali porta un’enorme quantità di fiducia e non vediamo l’ora di realizzare il nostro forte potenziale di crescita”.

Danilo Loda

100% "milanes", da una vita scrivo di bit e byte e di quanto inizia con on e finisce con off. MI piace tutto quello che fa rumore, meglio se con un motore a scoppio. Amo viaggiare (senza google Maps) lo sport, soprattutto se è colorato di neroazzuro.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button