FeaturedSoftwareStartup

Una traduzione in 109 lingue a portata di click

Kotozna In-Room permette al personale degli hotel di comunicare con i clienti di ogni nazionalità, una soluzione contactless ed efficiente per il servizio clienti

Kotozna In-room traduce all’istante 109 linguaggi, permettendo di chattare ognuno utilizzando la propria lingua. La soluzione presentata al CES 2021 dall’azienda con sede a Tokio Kotozna, Inc. permette agli hotel di gestire il servizio clienti al meglio, indipendentemente dalla nazionalità degli ospiti. Il servizio permette sia allo staff di comunicare attraverso un’applicazione web, ognuno usando la propria lingua. Un sistema di comunicazione contactless e multilingua, senza costi di implementazioni iniziali.

Kotozna In-room, per parlare con ospiti di 109 lingue diverse

L’ospite dell’hotel può scrivere in qualsiasi lingua delle 109 presenti sul servizio, gli addetti al servizio cliente leggono e rispondono in italiano. Un sistema immediato e semplice, che permette di comunicare senza paura di fraintendimenti. Questo è Kotozna In-room, soluzione sviluppata in Giappone e presentata al CES 2021 All-Digital.

Se non basta il gran numero di lingue presenti, il costo zero per l’implementazione può convincere anche i più scettici. Infatti per utilizzarla basta che entrambe le parti abbiano uno smartphone o un tablet, con i quali leggere un QR Code e aprire l’applicazione web con un browser.

Il CEO e co-fondatore di Kotozna Genri Goto è convinto che questo tipo di soluzione possa essere facile da implementare, offrendo un grande servizio clienti anche negli hotel più piccoli. “Siamo entusiasti di introdurre Kotozna In-room al CES 2021. Perché permette all’aziende del settore alberghiero di fornire servizi agli ospiti in sicurezza e con efficienza, aumentando i profitti. La nostra tecnologia brevettata non solo consente una traduzione altamente accurata per prevenire fraintendimenti ma aiuta hotel e locande a comprendere le necessità dei clienti in generale per implementare strategie business. Crediamo che questo nuovo strumento di interazione contactless sia un game changer per l’industria.”

Una soluzione contacless per comunicare con gli ospiti

Kotozna ha sviluppato In-rooms durante il gennaio dell’anno scorso, per poi implementare il proof-of-concept già a febbraio. A questo punto investe nel progetto la più grande agenzia di viaggi del Giappone: JBT (Japan Tourist Bureau). JBT diventa il partner di distribuzione di Kotozna In-room.

kotozna in-rooms traduzione istantanea-minPoi, come sappiamo tutti, da marzo molti alberghi hanno dovuto chiedere per via della pandemia. Ma non tutti: da aprile 2020 molti hotel hanno potuto testare l’utilità della piattaforma di traduzione anche per comunicare con i clienti in tutta sicurezza. Infatti Kotozna In-room può essere una risorsa per evitare contatti nella hall, permettendo ai clienti di contattare lo staff dalla camera anche se non conoscono bene la lingua.

La chat di Kotozna In-room aiuta anche a rendere più efficiente l’interazione con gli ospiti, evitando di affollare la hall o intasare il centralino. Un servizio davvero utile in sé, per gli hotel di tutto il mondo e i clienti da 109 zone linguistiche diverse.

Kotozna In-room: il business model

Dal luglio scorso, sono oltre 40 gli alberghi che hanno adottato la soluzione di Kotozna in-room. Hotel di ogni dimensione: il business model infatti permette anche alle piccole realtà di sfruttare la traduzione istantanea di 109 lingue. Il costo del servizio infatti è di 5 dollari per stanza al mese.

kotozna in-rooms traduzione hotel-minPer questa cifra, naturalmente scalabile in base alle dimensioni dell’albergo, gli hotel possono avere molti servizi:

  • Chat nella propria lingua, tradotti all’istante.
  • Traduzione di 109 lingue.
  • Attivazione tramite QR code della web app: serve solo il browser dello smartphone o tablet, senza bisogno di scaricare nulla.
  • Message Board intuitiva che permette agli addetti di tenere traccia dei messaggi con gli ospiti.
  • Disponibile sia per la chat live che per i chat-bot.
  • Personalizzabile con 10 temi e 60 servizi nei menu delle chat, fra cui scegliere in base a quelli offerti.
  • Tecnologia brevettata che trova in automatico il miglior motore di traduzione in base alla lingua della conversazione.
  • Possibilità di accedere a motori di traduzioni esistenti.
  • Permette agli utenti di richiedere un’altra traduzione se la prima è difficile da comprendere.

Potete trovare maggiori informazioni a questo indirizzo. Kotozna In-room traduce 109 lingue e permette agli hotel di qualsiasi dimensione di offrire un servizio clienti di livello.

Bestseller No. 1
Ceepko Traduttore Istantaneo Vocale e la Traduzione di Foto, Smart Portatile Traduttore Vocale Multilingue Supporta 137 Lingue Lingue per Viaggi, Lavoro e Studio Transfrontalieri, Shopping D'oltremare
  • [137 lingue]: il supporto del prodotto 137 lingue internazionali nelle traduzioni a 2 vie. In questo modo il traduttore Ceepko può aiutare le persone a fare affari, viaggiare, fare shopping, fare amicizia con gli stranieri, imparare la lingua nella maggior parte dei paesi.
  • [Traduzione di foto]: nuovo display e design della fotocamera, messa a fuoco veloce, riconoscimento ad alta definizione, funzionamento multi-touch, fotocamera può essere tradotto immediatamente.
  • [Traduttore simultaneo vocale offline]: cinese, inglese, tedesco, spagnolo, francese, italiano, giapponese, coreano, olandese, portoghese, russo
  • [Capacità Ultra-Alta]: Le dimensioni di una piccola barra di caramelle supportano una batteria da 1500 mAh che significa 26 ore di riproduzione e 125 ore in standby.
  • [Mini Design]: Facile da trasportare, comodo per viaggi di lavoro e studio, adatto per studi di traduzione linguistica, viaggi, shopping, appassionati di viaggi, uomini d'affari, studenti e coloni d'oltremare, per uso personale o regali.
Bestseller No. 2
Un Traduttore
  • Amazon Prime Video (Video on Demand)
  • Rodrigo Santoro, Maricel Álvarez, Yoandra Suárez (Actors)
  • Rodrigo Barriuso (Director) - Lindsay Gossling (Writer)

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button