NewsSicurezza

Kaspersky Endpoint Security Cloud: protezione totale dal ransomware certificata da AV-Test

Il software è stato messo alla prova con tre diversi scenari e 113 sample di attacco

La valutazione indipendente di Kaspersky Endpoint Security Cloud da parte di AV-TEST ha dimostrato un’efficacia del 100% contro gli attacchi ransomware. Questo è il risultato dei test effettuati in tre diversi scenari e 113 modelli di attacco, dove la suite di Kaspersky non ha perso un singolo file utente e ha superato la concorrenza di 10 diversi fornitori di sicurezza informatica. 

Negli ultimi anni, il ransomware è cresciuto fino a diventare un ecosistema con molte famiglie di malware, bande criminali specializzate e attacchi-as-a-service. Nel solo secondo trimestre del 2021, sono state rilevate 3.905 nuove modifiche di ransomware e 97.451 utenti sono stati attaccati in tutto il mondo, circa 6.000 in più rispetto al trimestre precedente.

Kaspersky Endpoint Security Cloud, efficacia garantita al 100% contro attacchi ransomware

AV-TEST ha esaminato 11 piattaforme di protezione degli endpoint e le loro risposte a tre possibili scenari: attacchi ransomware reali sui file utente archiviati nel sistema locale, attacchi ransomware reali sui file utente situati in una condivisione remota e attacchi ransomware di prova (PoC) sui file utente nel sistema locale.

Durante il test, i prodotti di sicurezza dovevano rilevare l’attività del ransomware e dei suoi file, bloccarlo, ripristinare eventuali modifiche ai file dell’utente e rimuovere la minaccia dal sistema infetto. Il test ha incluso 25 famiglie di ransomware, come REvil, Ryuk, Conti, Lockbit, pysa, Ragnarlocker, Ransomexx e 14 PoC. 

In tutti e tre gli scenari, Kaspersky Endpoint Security Cloud ha bloccato completamente il 100% degli attacchi, mentre gli aggressori non sono riusciti a crittografare un singolo file utente e le minacce sono state rimosse dal sistema protetto. Ha raggiunto il più alto livello di protezione di tutti i prodotti testati, il che dimostra la sua efficacia contro questo tipo di attacchi.

Kaspersky Endpoint Security Cloud

Il software è riuscito a proteggere i dati aziendali sul computer del dipendente e nelle cartelle condivise infettate non solo da famiglie di ransomware esistenti, ma anche da campioni di prova appositamente progettati per questo test. Tuttavia, contenevano varie tecniche di crittografia reali utilizzate dagli aggressori.

“Nei nostri test, Kaspersky ha mantenuto un alto livello di protezione contro tutti gli attacchi ransomware, superando nettamente gli altri prodotti. Con la protezione attiva della soluzione Kaspersky, nessun malware – come Revil, Ryuk o Conti – è stato efficace o in grado di eseguire azioni dannose”, ha affermato Andreas Marx, CEO di AV-TEST.

“Anche se i ransomware sono in grado di bloccare un’azienda per diverso tempo e può essere molto difficile e costoso ripristinare i dati, la protezione da essi non richiede misure sofisticate o grandi investimenti. Basta implementare una buona soluzione per la sicurezza degli endpoint e seguire alcune semplici regole che includono backup regolari dei dati e formazione dei dipendenti sulle regole di base della cybersecurity come ad esempio quella di non aprire email di phishing. Gli ottimi risultati di AV-TEST dimostrano che la piattaforma di protezione degli endpoint di Kaspersky è un’opzione sicura, in grado di garantire una protezione totale contro i ransomware”, ha commentato Andrey Dankevich, Senior Product Marketing Manager di Kaspersky.

Offerta
Kaspersky Anti-Virus 2021 | 1 PC | 1 Anno | PC | Codice d'attivazione via email
  • La prima linea di difesa contro i virus
  • Lascia che il PC funzioni nel modo per cui è stato concepito
  • Blocca virus, Trojan e altro ancora
  • Difende, senza rallentare i dispositivi

Danilo Loda

100% "milanes", da una vita scrivo di bit e byte e di quanto inizia con on e finisce con off. MI piace tutto quello che fa rumore, meglio se con un motore a scoppio. Amo viaggiare (senza google Maps) lo sport, soprattutto se è colorato di neroazzuro.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button