Business intelligenceNewsSoftware

Google unirà Meet e Duo in un’unica app

Obiettivo evitare il sovraccarico di app simili per lo stesso utilizzo

Dopo circa cinque anni dai lanci di Google Duo e Meet, l’azienda ha annunciato, che combinerà le app su un’unica piattaforma. In questo modo, gli utenti potranno utilizzare le stesse familiari funzioni senza dover passare da un programma all’altro. 

Confermata dal portavoce di Google Workspace Javier Soltero per The Verge , la novità è in lavorazione in questo momento. Con questo, nel prossimo futuro, l’utente avrà accesso alle risorse di Google Meet direttamente tramite Duo.

In altre parole, sarà l’app Duo a “sopravvivere”. Avrà un aggiornamento che porterà le funzionalità di Meet sulla piattaforma e alla fine cambierà il suo nome in… “Google Meet”. Inoltre, l’attuale app Meet verrà rinominata “Meet Original” e pertanto presto verrà interrotta.

Tutto questo movimento è stato spiegato da Dave Citron, product director per i video di Google: “L’app mobile Duo era molto sofisticata, specialmente nei mercati emergenti in cui la connettività di rete era scarsa o altamente variabile. Sul web è diverso; Meet è la piattaforma web molto più sviluppata, quindi costituisce la base del nuovo sistema combinato. Ma in entrambi i casi, l’idea è la funzionalità al 100%. Forze unite e nessun utente lasciato indietro”.

Google, Meet e Duo troppo simili

Secondo l’azienda, questa integrazione può aiutare a risolvere un problema frequente nella vita degli utenti: avere troppe applicazioni praticamente identiche, ovvero avere diverse opzioni per fare cose simili sui loro dispositivi mobili.

Nelle parole di Soltero, sempre per The Verge : “Ciò che è stato veramente importante è capire come le persone scelgono quale strumento utilizzare, per quale scopo, in quali circostanze. È davvero importante e potente essere in grado di venire in quel modo e lasciare che ognuno decida se vuole essere raggiunto o meno, piuttosto che dover gestire tutte queste diverse identità e affrontarne le conseguenze”.

Vale la pena ricordare, tuttavia, Big G non è nuovo alla creazione di applicazioni e di seppellirle poco dopo. Dal punto di vista aziendale, mentre gli utenti perdono tempo a chiedersi quale app di Google utilizzare, un concorrente potrebbe semplicemente proporre una sola opzione risolvere il tutto.

Quindi, nonostante tutti i discorsi sul sovraccarico, questo potrebbe essere uno dei primi passi Google per distinguersi tra i rivali nel segmento delle videochiamate e delle comunicazioni a distanza.

Offerta
realme 8i Smartphone, realme X processore MediaTeK Helio G96, Display ultra fluido a 120Hz da 6.6", Tripla fotocamera con AI da 50MP, Grande batteria da 5000mAh, Dual Sim, NFC, 4+128GB, Nero spaziale
  • Realme X processore MediaTeK Helio G96: la velocità di clock del nuovo processore aggiornato raggiunge 2.05 GHz di CPU, offrendo un’esperienza di gioco fluida e visivamente sbalorditiva
  • Display ultra fluido a 120Hz da 6.6": frequenza doppia rispetto a quella disponibile sugli schermi tradizionali; inoltre, grazie a sei diverse frequenze di aggiornamento, il tuo telefono è in grado di risparmiare la carica della batteria
  • Tripla fotocamera con AI, riprese sublimi: fotocamera principale da 50 MP, apertura f/1.8, lente 5P; fotocamera per ritratti in B/N, apertura f/2.4, lente 3P; obiettivo macro, distanza di ripresa pari a 4 cm
  • Batteria massiccia da 5.000 mAh; ricarica rapida da 18W: la mega batteria da 5.000 mAh assicura 8 ore di gioco
  • Fino a 5 GB di RAM virtuale; con un’espansione fino a 5 GB, realme 8i funzionerà in maniera molto più scorrevole, rendendo il tuo intrattenimento quotidiano estremamente fluido

Danilo Loda

100% "milanes", da una vita scrivo di bit e byte e di quanto inizia con on e finisce con off. MI piace tutto quello che fa rumore, meglio se con un motore a scoppio. Amo viaggiare (senza google Maps) lo sport, soprattutto se è colorato di neroazzuro.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button