NewsScenario

Il Fondo per la Crescita Sostenibile, per la transizione verde e l’economia circolare

I fondi allocati possono aiutare lo sviluppo delle aziende che investono nelle tecnologie green e nell'economia circolare

Il Ministero per lo sviluppo economico ha investito (e continua a farlo quest’anno) nel Fondo per la crescita sostenibile (FCS). In particolare, la Direzione Generale per gli incentivi alle imprese (DGIAI) gestisce molti fondi a sostegno dell’economia circolare. Ma non solo: la trasformazione digitale, l’innovazione e la transizione green sono al centro di molti investimenti da parte del Governo e dell’Europa. All’evento PON cui abbiamo assisto, abbiamo avuto modo di chiarirci le idee sono cosa c’è sul piatto per le aziende innovative e attente all’ambiente.

Il Fondo per la crescita sostenibile (FCS) si rinnova

Il MiSE ha stanziato il Fondo per la crescita sostenibile con molti diversi obiettivi. Serve a sostenere programmi e interventi che hanno impatto sull’apparato produttivo italiano. Può essere utilizzato per:

  • Ricerca, sviluppo e innovazione
  • Rafforzamento della struttura produttiva
  • Internazionalizzazione
  • Gestioni di crisi di impresa
  • Aziende sequestrate alla criminalità organizzata.

Se quindi la platea di interventi è molto ampia, gli investimenti per promuovere ricerca, sviluppo e innovazione possono essere una risorsa importante per le aziende. Nel periodo 2019-2021 infatti sono stati attivati diversi sostegni all’innovazione verde e circolare con FCS e con le risorse di Cassa Depositi e Prestiti. Azioni che agevolano la ricerca industriale e soluzioni sperimentali, in particolare per innovazioni verdi e circolari per le PMI.

fondo per la crescita sostenibile economia circolare

Azioni per la transizione verde e circolare

L’idea alla base di queste azioni è una mobilitazione generale di risorse pubbliche e private. I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese che investono nella sostenibilità devono essere accompagnati anche da finanziamenti bancari. Inoltre le agevolazioni prevedono la cumulabilità con interventi fiscali, come il credito di imposta.

  • DM 02/08/2019 ha stanziato 329 milioni di euro con riserva al 20% per l’economia circolare,  per sostenere progetti fra i 5 e i 40 milioni. In tutto sono stati presentati 18 progetti legati alla tematica, per un importo di 158 milioni stanziati. Attualmente la presentazione di domande è chiusa.
  • DM 11/06/2020 ha stanziato 219,8 milioni di euro di cui di 157 mln per finanziamenti agevolati e 62,8 mln per contributi, con 80 mln € per progetti nel Mezzogiorno. Pensato per progetti da 500 mila euro e 2 milioni di euro. Si possono ancora presentare domande.
  • Legge di bilancio 2020: strumento FCS Green Deal. Siamo ancora in attesa del DM attuativo, previsto nel 2021.

Sebbene manchi ancora il DM attuativo, sappiamo che dovrebbero arrivare 600 milioni di euro in finanziamenti agevolati e 150 milioni di euro per i contributi di spesa nel triennio. Si pensa che i progetti possano essere fra i 3 e i 10 milioni di euro per lo sportello e 10 e 40 milioni di euro nel negoziale. Le finalità degli interventi finanziabili sono: decabornizzazione, economia circolare, riduzione della plastica, rigenerazione urbana, turismo sostenibile e adattamento del territorio e riduzione dei rischi da riscaldamento globale.

Potete trovare ulteriori materiali sul sito di PON, che ha organizzato l’evento cui abbiamo partecipato. Inoltre trovate i decreti e le misure prese sul sito del MiSE. Per restare nell’ambito dell’economia circolare, ecco i vincitori appena annunciati del Premio Best Performer di quest’anno.

Novità Apple MacBook Air (13", Chip Apple M1 con CPU 8-core e GPU 7‑core, 8GB RAM, 256GB SSD) - Argento
  • Chip M1 progettato da Apple, per un nuovo livello di performance della CPU, della GPU e del machine learning
  • Autonomia senza precedenti, con una batteria che dura fino a 18 ore
  • CPU 8‐core fino a 3,5 volte più rapida, per gestire i progetti a velocità mai viste
  • GPU fino a 8‐core, per una grafica fino a 5 volte più veloce nelle app e nei giochi più complessi
  • Neural Engine 16‐core, per un apprendimento automatico evoluto

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button