News

The New Ways of Working, Learning, Living: l’evento internazionale per ripensare il futuro

Una serie di conferenze e talk hanno imbastito un nuovo dibattitto sui cambiamenti in atto e le best pratices per affrontarli

Si è tenuto oggi, il 7 giugno 2022 l’incontro di The New Ways of Working, Learning, Living. Un evento internazionale che esplora i grandi cambiamenti in atto, dalle pratiche lavorative all’apprendimento, agli stili di vita. Una giornata di incontri con esperti internazionali, executive coach, thought leader, HR
manager e CEO con l’intendo di comprendere le trasformazioni che si stanno verificando in tutti gli
ambiti della vita e per imparare a sviluppare nuove strategie di pensiero e di azione. Il mondo sta cambiando e noi abbiamo bisogno di cambiare con lui. Ma come farlo al meglio?

Un evento internazionale ricco di meeting

Il mondo negli ultimi anni è stato sottoposto a grandi cambiamenti, che continuano a modificare le abitudini di tutti quanti, giorno dopo giorno. Sono diversi i fattori che influenzano queste trasformazioni: la pandemia, la globalizzazione dei mercati, l’innovazione tecnologica, gli scenari politici. In questo contesto tanto complesso e instabile. In generale, la maggior parte delle pratiche lavorative, di apprendimento e dello stile di vita a non funzionano più. La sfida del momento è trovare nuovi modelli efficienti per adeguarsi ai cambiamenti in atto.

L’obiettivo dell’evento

The New Ways of Working, Learning, Living si è posto come obiettivo esplorare ciò che sta accadendo in tre diversi ambiti: quello del lavoro, l’apprendimento ed il living, proponendosi come luogo di incontro per l’ispirazione, il dialogo, lo sviluppo e il networking attorno ai cambiamenti in atto.

Organizzato da Asterys, azienda globale di sviluppo organizzativo che lavora con i leader delle più importanti multinazionali, l’evento ha visto dibattere esperti in merito a strumenti e metodologie in grado di agevolare l’evoluzione di aziende, uffici, istituti di educazione e persone desiderose di fare un upgrade.

I temi trattati

Diversi talk hanno cercato per esplorare nuovi mind set possibili per fare fronte alle sfide di oggigiorno. Ad esempio, il grande passaggio dalla gerarchia all’auto-organizzazione e l’impatto del nuovo paradigma sulle persone e sul business. Tra questi, una conference tenuta da Simona Liguoro, Human Resource Director di Nespresso. Si è cercato di indagare anche nuove strade e approcci per rendere più smart l’apprendimento sia a livello individuale sia di gruppo. Ma l’attenzione si è rivolta anche al singolo, con molti spunti di riflessione su come si sta evolvendo la vita e cosa possiamo accogliere il cambiamento nella nostra.

Cosa è emerso?

Il focus di questo evento internazionale è stato il benessere, pare infatti che esperti di risorse umane, coach, counselor stiano rivolgendo l’attenzione al lato umano e psicologico degli individui, per poter ottenere il meglio da ciascuno. Se una volta erano i numeri a contare, ora si cercano approcci che integrino il raggiungimento di obiettivi lavorativi e formativi e la soddisfazione personale.

Si è parlato di self-governance con Simona Liguoro di Nespresso e del modello aziendale da lei applicato per rendere più responsabili e appagati i dipendenti. Abbiamo anche sentito parlare Stefano Petti di Systemic Team Coaching e di come integrare tutti i ruoli aziendali in un unico sistema. Tanti spunti interessanti anche su nuovi metodi per attirare talenti attraverso servizi per la crescita personale.

L’esperienza di lavoro e di apprendimento sono state rivalutate. Quello che era un dovere ora si propone come un momento positivo di crescita. Molti spunti interessanti sono stati offerti per capire come dirigere il proprio business su una strada che integri maggiore produttività e al benessere del team. Nei prossimi giorni vi racconteremo nei dettagli alcuni degli interventi più interessanti.

Autore

  • Martina Ferri

    Sono laureata in filosofia, gattara, vegetariana e vesto sempre di nero. Ora che vi ho elencato i motivi per cui potrei sembrare noiosa, posso dirvi che amo la musica, i libri, la fotografia, la pizza, accamparmi in tenda vicino al main stage di qualche festival! Che dite, ho recuperato?

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button