HotNewsSoftware

TeamViewer porta l’autenticazione a due fattori anche nelle connessioni in entrata

Migliora la sicurezza per il software di connettività remota

TeamViewer, pensa alla sicurezza dei propri utenti introducendo un’importante novità, ovvero l’integrazione dell’autenticazione a due fattori (TFA) per le connessioni in entrata. Con questa nuova funzione si vanno a completare tutte quelle pensate per la sicurezza già attive. Una di queste è l’autenticazione a due fattori per le connessioni in uscita a cu si aggiunge la crittografia end-to-end.

TeamViewer, l’autenticazione due fattori in entrate e in uscita per il massimo della sicurezza

L’autenticazione a due fattori, come ben sanno i clienti TeamViewer, è già disponibile da diverso tempo, per quanto riguarda le connessioni in entrata. Questa funzione di sicurezza è una delle pratiche maggiormente raccomandata dagli esperti di sicurezza. Ma, come detto, d’ora in poi, anche le connessioni in entrata possono essere protette con la TFA, aumentando la consapevolezza sulla sicurezza ogni volta che si stabilisce una connessione.

autenticazione due fattori TeamViewer

Questa funzione di sicurezza opzionale può essere impostata per tutte le connessioni di controllo remoto di TeamViewer e viene eseguita tramite notifiche push. Dopo la registrazione di uno o più dispositivi mobili, agli utenti sarà semplicemente chiesto di consentire (o negare) ogni singola connessione con i dispositivi registrati. In questo modo nessun dispositivo “sconosciuto” potrà accedere al proprio senza essere autorizzato preventivamente.

“Aggiorniamo costantemente le nostre funzionalità di sicurezza per fornire la soluzione di connettività remota più sicura, pur rimanendo fedeli al nostro approccio sulla facilità di utilizzo”, spiega Christoph Schneider, Direttore Product Management di TeamViewer. “Sia per uso aziendale sia privato, con un approccio sulla sicurezza basato su molteplici livelli ogni utente può disporre del livello di sicurezza in base alle esigenze“.

TeamViewer TFA è disponibile per Windows. Le versioni per connessioni per macOS e Linux sono in fase di sviluppo e saranno rilasciate nei prossimi mesi. Una guida dettagliata su come impostare la TFA per le connessioni è disponibile sul sito Community di TeamViewer.

Danilo Loda

100% "milanes", da una vita scrivo di bit e byte e di quanto inizia con on e finisce con off. MI piace tutto quello che fa rumore, meglio se con un motore a scoppio. Amo viaggiare (senza google Maps) lo sport, soprattutto se è colorato di neroazzuro.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button