AziendeNewsSoftware

Le app iOS supportano 85 mila posti di lavoro in Italia

L'ecosistema cresce molto nel nostro Paese

L’ecosistema di iOS continua a crescere: nel 2021 le app per iPhone su App Store hanno generato 85 mila posti di lavoro solamente in Italia. Un trend dimostrato anche a livello europeo, dove lo sviluppo di applicazioni mobile per il sistema operativo della Mela impiega 2,2 milioni di persone. Un aumento del 7% rispetto l’anno precedente.

App Store: sviluppare app per iOS genera 85 mila posti di lavoro in Italia

Apple ha riportato due recenti ricerche sul mercato delle app iOS, che danno un’idea forte dell’impatto economico dello sviluppo di app per la Mela. Imprenditrici e imprenditori in tutto il mondo hanno trovato le risorse necessarie per spostare parte del business in digitale negli ultimi due anni. Hanno fatto crescere il proprio team di sviluppatori, di designer e di creativi.

La ricerca “Spotlight on Small Business & App Creators on the App Store” condotta da Analysis Group mette in evidenza come i guadagni per questi lavoratori siano in aumento negli ultimi due anni. L’intero settore cresce. Ma in particolare le piccole e medie imprese hanno visto aumentare gli introiti del 113% nel 2019, molto più delle grandi aziende.

Apple-App-Store-ios posti di lavoro sviluppatori-min

L’analisi del Progressive Policy Institute ha invece posto l’accento sui posti di lavoro creati in ambiti come il design, lo sviluppo software. Ma anche in settori come le vendite. Negli ultimi due anni sempre più aziende hanno puntato sulle app, con transizioni ibride e digitali del proprio business.

La possibilità di utilizzare risorse per lo smart working e la collaborazione da remoto ha inoltre beneficiato soprattutto i piccoli gruppi di sviluppatori, che crescono al doppio del ritmo rispetto alle aziende più grandi.

Il sostegno diretto a sviluppatrici e sviluppatori italiani

Oltre alla possibilità di entrare nell’ecosistema App Store e utilizzarne i servizi, Apple ha messo anche in piedi diverse iniziative per creare posti di lavoro e supportare le aziende di sviluppo. Con App Store Foundations Program, la Mela ha fornito supporto a oltre 50 sviluppatrici e sviluppatori italiani, in aumento del 50%.

Lanciato nel 2018, il programma fornisce strumenti per far crescere la propria attività, migliorare i propri servizi. Ma anche estendere la portata delle proprie app utilizzando le API di Apple e le ultime tecnologie sviluppate a Cupertino.

Daniel Matray, Director of App Store for Continental Europe di Apple spiega: “Alcuni degli sviluppatori più interessanti al mondo sono italiani e siamo davvero felici che il settore stia continuando a crescere e a creare un numero record di posti di lavoro. Milioni di persone usano le app create da sviluppatori e sviluppatrici italiani di talento per vivere, lavorare e giocare. Apple è orgogliosa di contribuire al loro successo e non vediamo l’ora di aiutarli a raggiungere nuove vette.”

Le realtà italiane in viaggio con Apple

Fra le aziende italiane che la stessa Apple mette in luce c’è Buddyfit, che aiuta a tenersi in forma creando un’esperienza di allenamento dal vivo online. Il COO Stefano Manzoni racconta: “Il nostro viaggio insieme a Apple ci ha fatto raggiungere traguardi importanti. In questi ultimi due anni il team di Buddyfit è passato da 3 a 43 dipendenti che lavorano negli uffici di Milano, Genova e Barcellona. Lo scorso anno, siamo stati al primo posto sull’App Store per download ed entrate in Italia. Offriamo più di 1000 sessioni live al mese in tre lingue, e i nostri utenti hanno seguito più di un milione e mezzo di allenamenti nel 2021. Al momento abbiamo una community di 620.000 persone e siamo pronti per i nostri prossimi successi!”

Invece ll’app Amerigo File Manager di IdeaSolutions S.r.l. fa parte dell’App Store Small Business Program e ha partecipato all’App Store Foundations Program. Ora ha oltre 40 dipendenti, posti di lavoro creati grazie al successo sull’App Store di iOS e la collaborazione con Apple. Ivan Dama, CEO di IdeaSolutions S.r.l. spiega: “Il successo che abbiamo raggiunto ci ha permesso di continuare a innovare e assumere sviluppatori e sviluppatrici tra i più capaci in Italia, oltre che a collaborare con alcune delle più grandi aziende del Paese.”

amerigo file manager-min

I posti di lavoro generato da App Store, anche fuori dall’Italia

Sebbene il focus del report pubblicato da Apple nel nostro Paese sia i posti di lavoro che App Store genera in Italia, la ricerca ha avuto un respiro internazionale. E ha permesso di disegnare una cartina degli sviluppatori e delle sviluppatrici della Mela in tutto il mondo. Circa il 24% ha sede in Europa, il 23% in Cina, un mercato sempre più importante per Apple. Il 14% negli Stati Uniti, il 4,3% in Giappone e il 34% in altri Paesi, tra cui Corea, India e Brasile.

Un po’ in tutto il mondo gli sviluppatori aumentano. Dal 2019 nel Regno Unito sono saliti del 40%. In Germania del 25%. E l’App Store permette di distribuire le proprie applicazioni in 175 Paesi in ttuto il mondo: il 40% di tutte quelle sul marketplace digitale sono create da piccole imprese e sviluppatori emergenti.

Questi dati fanno riflettere sull’impatto che ha questo ecosistema, di cui certo Apple parlerà nel dettaglio al prossimo WWDC 2022 di settimana prossima. Potete trovare la ricerca di Analysis Group a questo indirizzo.

OffertaBestseller No. 1
Apple iPhone 13 mini (128 GB) - Mezzanotte
  • Display Super Retina XDR da 5,4"
  • Modalità Cinema con profondità di campo smart e spostamento automatico della messa a fuoco nei video
  • Evoluto sistema a doppia fotocamera da 12MP (grandangolo e ultra-grandangolo) con Stili fotografici, Smart HDR 4, modalità Notte e registrazione video HDR a 4K con Dolby Vision
  • Fotocamera anteriore TrueDepth da 12MP con modalità Notte e registrazione video HDR a 4K con Dolby Vision
  • Chip A15 Bionic per prestazioni fulminee
Source
Apple

Autore

  • Stefano Regazzi

    Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button