HotNewsSoftware

Adobe Photoshop è ora disponibile nativamente per i Mac con chip Apple M1

Il programma di grafica per eccellenza sfrutta al massimo il nuovo chip: è 1,5 volte più veloce

Adobe Photoshop arriva nativamente sui Mac con chip Apple M1, il processore creato in casa da Cupertino. Il programma grafico ha prestazione ottime: con la nuova CPU esegue azioni 1,5 volte più veloce che nei modelli della scorsa generazione. Un’altra dimostrazione delle capacità dei nuovi Apple M1, quando lavorano con un software ottimizzato.

Adobe Photoshop arriva sui Mac con Apple M1

Il software grafico più famoso al mondo esce dalla beta per Apple M1 con una nuova velocità davvero impressionante. La stessa Adobe promette che il caricamento all’apertura di Photoshop dura un solo istante. Tutte le task dovrebbero svolgersi più rapidamente del 50%, con un miglioramento sensibile. Aprire e salvare file, applicare filtri e tutte le operazioni che pesano molto sulla CPU dovrebbero viaggiare molto più velocemente.

Tuttavia, Adobe spiega che non tutte le ultime funzioni di Photoshop arrivano nativamente sui Mac con Apple M1. L’azienda ha voluto lanciare la versione nativa il prima possibile e applicare gli ultimi cambiamenti con aggiornamenti successivi. Per funzioni come “invita a modificare il documento nel cloud” oppure la sincronizzazione dei preset dovete aspettare, oppure usare la versione in emulazione con Rosetta 2.

macbook adobe photoshop apple m1

I nuovi Mac sempre più supportati

Gli ingegneri e sviluppatori di Adobe hanno lavorato in tempi da record per permettere agli utenti che hanno scelto i Mac con Apple M1 di lavorare sui propri progetti grafici. Premiere Pro e Lightroom sono già arrivati. E sembra che l’azienda voglia continuare a migliorare il supporto per i prodotti di Cupertino.

Oltre al supporto ai nuovi Mac, Adobe dovrebbe rilasciare un aggiornamento di Photoshop per iPad, con due nuove funzioni. Arrivano la cronologia del documento sul cloud, per tornare ai punti salvati negli ultimi 60 giorni. Inoltre c’è la possibilità di scaricare documenti dal cloud per lavorare offline.

Infine, Adobe sta aggiungendo la funzione “super risoluzione” per il plugin Camera raw. Usando la potenza della tua scheda grafica, con il machine learning permette lo scale up dell’immagine senza perdere in qualità.

Con l’uso del cloud e le nuove prestazioni dei chip Apple, fare grafica con i Macbook diventa una possibilità per tutti, anche i professionisti. Trovate le soluzioni Adobe qui.

Offerta
2020 Apple MacBook Pro con Chip Apple M1 (13", 8GB RAM, 256GB SSD) - Grigio siderale
  • Chip M1 progettato da Apple, per un nuovo livello di performance della CPU, della GPU e del machine learning
  • Fino a 20 ore di autonomia: più di qualsiasi Mac, per fare ancora di più
  • CPU 8‐core con prestazioni fino a 2,8 volte più veloci, per sfrecciare come mai prima d’ora nei flussi di lavoro
  • GPU 8‐core, per una grafica fino a 5 volte più veloce nelle app e nei giochi più complessi
  • Neural Engine 16‐core, per un apprendimento automatico evoluto
Source
Engadget

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button